Uil: busta paga marzo più leggera per acconti e saldi Irpef

Vaccaro: “Gli acconti, per l’Irpef regionale e comunale sono gravati dagli aumenti apportati con l’aliquota addizionale all’ 1,23% in Basilicata, come nel 2013, ma soprattutto, per quanto riguarda l’Irpef Comunale, ci sarà l’effetto degli aumenti di aliquota decisi dai Comuni già dal 2012″. Mentre il Governo Renzi pensa a una riduzione del carico fiscale, con la busta paga di marzo arriva un antipasto indigesto da pagare con gli acconti e i saldi delle Addizionali Regionale e Comunale IRPEF. Con la prossima busta paga, infatti, i lavoratori dipendenti e i pensionati troveranno l’amara sorpresa di dover pagare mediamente 97 euro complessivi tra saldo e acconto dell’IRPEF sia Regionale, sia Comunale, pari al 29,3% in più rispetto al mese di Marzo dello scorso anno. In particolare per l’IRPEF regionale si pagheranno mediamente 59 euro, a fronte dei 49 euro dello scorso anno (+ 20,4%), mentre per l’IRPEF comunale 38 euro, a fronte dei 26 euro dello scorso anno (+ 46,1%)”.
Ad evidenziarlo è la UIL della Basilicata facendo riferimento ai dati del Servizio Politiche Territoriali e del Centro Studi regionali. Gli acconti, per l’IRPEF regionale e comunale – spiega Carmine Vaccaro, segretario regionale Uil – sono gravati dagli aumenti apportati con l’aliquota addizionale all’ 1,23% in Basilicata, come nel 2013, ma soprattutto, per quanto riguarda l’IRPEF Comunale, ci sarà l’effetto degli aumenti di aliquota decisi dai Comuni già dal 2012.
Secondo il Rapporto Fiscalità Locale – che la Uil lucana ha diffuso in coincidenza con la fase di avvio delle operazioni per la dichiarazione dei redditi relativi all’anno 2014 alle quali sono già attivati gli uffici e il personale del CAF (Centro Assistenza Fiscale), dell’ITAL (Patronato) e della Uil Servizi per rendere più semplici i rapporti tra cittadini e fiscalità – sono 106 i Comuni che hanno deliberato, a valere dalla dichiarazione dei redditi 2012, la maggiorazione dell’IRPEF (l’80,9% del totale), mentre soltanto 25 Comuni (il 19,1%), risparmiano ai propri concittadini questa maggiorazione. I contribuenti interessati dall’Addizionale sono 231.286 (il 93,7% del totale dei contribuenti lucani). L’aliquota media applicata dai Comuni lucani è dello 0,58% , mentre sono 21 i Comuni che applicano l’aliquota massima dello 0,8%, tra cui Potenza e Matera (con esenzione per i redditi sino a 15mila euro).
“Aumenti alquanto dolorosi – sottolinea il segretario della Uil Vaccaro – in quanto le addizionali si pagano sull’intero imponibile e non tengono conto delle detrazioni per la produzione del reddito. Per questo, è fondamentale ripensare l’intera politica economica e fiscale del Paese, che metta al centro la questione di una diversa ripartizione della pressione fiscale, alleggerendo il carico alle persone con un reddito fisso. Ciò che maggiormente preoccupa è il possibile dato finale su quanto lavoratori e pensionati pagheranno di tasse locali: mediamente (anche se il dato non è addizionabile), per IRPEF ed IMU, in Basilicata, già si pagavano, al 2012, 436 euro, che incidono per il 2,2% sul reddito imponibile. Il peso dell’IMU e delle Addizionali Comunali IRPEF, da noi pari al 13,1% sul totale del gettito dell’IRPEF nazionale – commenta ancora Vaccaro – è un dato significativo che riporta d’attualità il tema del federalismo fiscale e della rilevanza che ha a livello locale la partita per un fisco più equo”.

Loading

Seguici sui social

1,667FansMi piace
92FollowerSegui
1,210IscrittiIscriviti

Leggi anche

Leggi anche ...
Related

È rifatto giorno

È rifatto giorno «di Angelo Colangelo» L’editore Franco Villani di Potenza...

Nicola Iosca dipinge contro la droga

Nicola Iosca dipinge contro la droga di Angelo Colangelo Davvero lussureggiante...

Delegazione FIALS in udienza dal Papa

Delegazione FIALS in udienza dal Papa All'udienza generale di oggi...

Crisi idrica nel settore agricolo, come gestire l’emergenza?

Crisi idrica nel settore agricolo, come gestire l'emergenza? Il Segretario...