Tutti ar mare, tutti ar mare

Tutti ar mare, tutti ar mare

- in Comunicati Stampa, Cultura, News, Tempo libero
385
0
tutti ar mare

Si inaugura a Fano una interessante e divertente mostra di manifesti cinematografici dedicati all’Italia che nell’immediato secondo dopoguerra scopre il sapore della vacanza balneare.
Messaggi disegnati e colorati che non sfigurano accanto ai famosi manifesti pubblicitari del Novecento tutti da gustare.

© Manifesti della collezione Enrico Minisini

Dopo il grande successo di pubblico e di critica fatto registrare dall’esposizione allestita in giugno a Lignano Sabbiadoro della raccolta di manifesti cinematografici di Enrico Minisini curata da Andrea Tomasetig, la mostra dal titolo “Cinema in bikini – Le vacanze degli italiani” inaugura il 24 luglio 2019 la sua seconda fase nella prestigiosa Galleria Carifano di Palazzo Corbelli a Fano.

© Manifesti della collezione Enrico Minisini

«Si tratta di un centinaio di manifesti, locandine e fotobuste che raccontano un capitolo minore del cinema italiano (1949 – 1999), quello a soggetto balneare» dice Tomasetig, «ma popolare e di grande successo. La mostra è l’occasione per scoprire una vera e propria scuola italiana di grafica cinematografica di alto livello e con maestri riconosciuti: Anselmo Ballester, Enrico De Seta, Sandro Symeoni, Alfredo Capitani, Nano, per citarne solo alcuni. Immagini che raccontano l’Italia di quegli anni come, e forse meglio, di un saggio di sociologia o di storia del costume.»

© Manifesti della collezione Enrico Minisini

Cuore dell’evento è la sezione dedicata al cinema balneare degli anni Cinquanta e Sessanta. Sono i decenni del boom economico e delle prime vacanze al mare degli italiani, dei giovani in libera uscita e dei juke-box agli angoli di qualsiasi bar. Il cinema e la musica, complice il diffondersi della televisione, dettano gli stili di vita. In questo clima di fervore la settima arte conquista la scena con una serie di film scanzonati, e non solo, girati sotto il sol leone, la cui maggioranza degli attori, come testimoniato cinicamente da Dino Risi: «… erano contenti di interpretare perché lavoravano poco e guadagnavano bene […] Anche il pubblico era contento, poiché se in un film c’erano sketch noiosi, subito dopo ne arrivava uno buono. Era un fatto fantastico e non si rischiava niente.»

© Manifesti della collezione Enrico Minisini

Una ghiotta occasione per gli appassionati e non di tutto quanto ruota intorno alla storia del cinema italiano. Ma come rivivere questi momenti? Come recuperare certe battute e alcune memorabili scene che hanno saputo fissare le atmosfere di un tempo? A tale proposito gli ideatori della mostra, aperta al pubblico dal 24 luglio al 29 settembre 2019, sono impegnati nella preparazione di un progetto audiovisivo a scopo didattico ideato e sceneggiato dallo scrittore e storico del cinema Giuseppe Colangelo che, a fianco dei manifesti della ricca collezione Minisini, rivisiterà la storia di questo genere con un caleidoscopio di frame, trailer e interviste curiose. Progetto che sarà presentato in occasione della inaugurazione dell’evento in programma a Fano.

© Manifesti della collezione Enrico Minisini

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may also like

Dono al Patriarcato di Sofia della reliquia di San Potito

La Diocesi di Tricarico fà dono al Patriarcato Ortodosso di Sofia (Bulgaria) della Reliquia di San Potito Martire