Sanità – Il ruggito dei conigli

Sanità – Il ruggito dei conigli

- in Sanita
238
0

Sanità – Dopo 2 mesi di sofferta riflessione, finalmente l’amministrazione comunale di Stigliano ha parlato: con un comunicato rilasciato al “Quotidiano” di sabato scorso, infatti, gli amministratori alzano la voce non contro l’azienda sanitaria che sta chiudendo la struttura ospedaliera distrettuale, ma contro i sindacati, i cittadini e il comitato civico che protestano.

Con una bella faccia tosta, sostengono che si stanno occupando con successo del problema sanitario, fin dal loro insediamento: infatti, da quando si sono insediati è stata chiusa la sala operatoria, poi la chirurgia, adesso chiudono la medicina geriatrica, la lungodegenza riabilitativa e una parte dell’hospice.

Quindi si capisce benissimo come se ne stanno occupando.

In altri comuni i sindaci protestano, fanno lo sciopero della fame, si incatenano, sono in prima linea contro i soprusi regionali: a Stigliano, invece, i nostri amministratori per protesta se ne vanno nei ristoranti e nelle pizzerie.

E dopo una bella abbuffata, stilano un comunicato stampa prendendosela con tutti quelli che non comprendono i loro sudori e i loro enormi sacrifici.

A questi solerti e umili servitori dei poteri partitici e personali, ai quali non difetta il senso del ridicolo, vogliamo perciò ricordare che con la furbizia e con gli inganni non si amministra una comunità.

I tempi di “pappagone” sono finiti e i nostri concittadini non sono “stupidi”. Anzi hanno perfettamente capito quello che fanno e continuano a firmare la petizione con piacere, perchè questa amministrazione prima se ne va, meglio è per tutti. Lo chiedono ormai circa 1700 cittadini, e se il sindaco e il suo vice continuano a ridicolizzarli e a non prenderli sul serio, potrebbero avere delle amare sorprese.

Amministrare, a qualsiasi livello,  non può essere  un gioco tra furbetti del quartierino, e quasi sempre presuppone anche una morale ed un alto senso etico. Perciò, a chi difetta di questi requisiti, non basta nascondersi dietro le “parole vuote” del politichese, per costruirsi un’immagine. Né basta ripetere di essere incompresi.

Piuttosto, la smettano, i nostri amministratori, di piagnucolare e facciano qualcosa di serio per fermare i cattivi propositi dell’azienda sanitaria, a cominciare dalla convocazione urgente di un consiglio comunale aperto, dove tutti possano dire la loro e fare delle proposte, così come deciso in una precedente seduta di consiglio.

Le battaglie si vincono sul campo, ma i nostri cari amministratori, a quanto pare, preferiscono stare sugli spalti!!!

Stigliano 13 Ottobre 2010

CGIL – CISL – FIALS – FSI

PRESIDIO OSPEDALIERO DISTRETTUALE DI STIGLIANO

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Stato di salute dei lucani, l’inchiesta di Giorgio Santoriello

In Basilicata oltre 17mila esenzioni ticket per patologie