Quota 100, Reddito e Pensione di cittadinanza in breve

Quota 100, Reddito e Pensione di cittadinanza in breve

- in Economia, News
438
0

Il mese di Febbraio porta in dote agli Italiani le tre colonne portanti della politica economica e sociale del Governo Conte, il Reddito di Cittadinanza, la Pensione di cittadinanza e Quota 100.

Vediamo insieme alcuni elementi di questi provvedimenti.

Per accedere al reddito di cittadinanza bisogna:

  • Essere cittadino italiano o europeo o lungo soggiornante e risiedere in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in via continuativa.
  • Avere un ISEE (Indicatore di Situazione Economica Equivalente) aggiornato inferiore a 9.360 euro annui.
  • Possedere un patrimonio immobiliare, esclusa la prima casa di abitazione, non superiore a 30.000 euro.
  • Avere un patrimonio finanziario non superiore a 6.000 euro che può essere incrementato in funzione del numero dei componenti del nucleo familiare e delle eventuali disabilità presenti nello stesso.

La domanda può essere presentata a partire dal 6 Marzo fino al 31 dello stesso mese, in via telematica sul sito ufficiale del Reddito, tramite sistema Spid , presso i CAF e in tutti gli uffici postali, dopo le verifiche effettuate dall’ INPS, per stabilire se si ha diritto o meno, i beneficiari riceveranno la dovuta comunicazione riguardo a quando ritirare la Tessera Elettronica su cui verranno erogate le somme.

La Tessera, simile alla Poste Pay, verrà emessa dagli uffici postali e con essa sarà possibile effettuare:

  • acquisti di beni e servizi di base (generi alimentari e farmaci)
  • prelievi sul territorio nazionale fino e non superiori a 100 € mensili per i nuclei familiari composti da una sola persona
  • bonifici per pagare l’affitto della casa (per chi vive in affitto)
  • pagare le bollette.
tessera numero 1 del reddito di cittadinanza, presentazione ufficiale

È assolutamente vietato:

  • effettuare spese per il gioco d’azzardo e tutti i giochi che prevedono vincite in denaro
  • fare acquisti on line
  • lavorare in nero

In funzione dei requisiti i beneficiari del reddito avranno degli obblighi, presso i centri per l’impiego e presso gli uffici comunali verranno sottoscritti i “Patti per il Lavoro” e i “Patti per la Formazione”, in cui chi riceve il contributo si impegna, a seconda del caso, a seguire corsi di formazione o a svolgere lavori per la comunità.

l’importo deve essere speso entro il mese successivo a quello di erogazione, ciò che non viene speso o prelevato viene sottratto nella mensilità successiva, nei limiti del 20% del beneficio erogato.

Verrà effettuata, da parte dello stato, un’ attività di monitoraggio della spesa.

Infine i beneficiari, riceveranno fino ad un massimo di tre offerte lavorative, al rifiuto della terza offerta il beneficiario perderà il contributo, teniamo conto che la prima sarà fino a 100 km (circa) da casa.

Per coloro che presentassero documentazioni o dichiarazioni false sono previsti fino a 6 anni di carcere.

Discorso simile per la Pensione di Cittadinanza, con l’unica differenza che i beneficiari (pensionati minimi che faranno richiesta) non riceveranno offerte di lavoro.

Passiamo ora a “Quota 100”, primo passo per lo smantellamento della scellerata “Riforma Fornero” del 2012.

La misura (in via sperimentale fino al 2021) consentirebbe l’uscita anticipata dal lavoro per tutti coloro che vantano 62 anni di età e 38 anni di contributi senza penalizzazioni, è previsto inoltre che, al momento dell’ uscita dal lavoro, lo stato dia subito una parte del TFR o TFS.


Luigi Di Maio (a sinistra)
Giuseppe Conte (al centro)
Matteo Salvini (a destra)

Quota 100, a cui seguirà Quota 41, ristabilisce finalmente un po’ di legalità e buon senso, poiché nessuna persona sana di mente potrebbe accettare ciò che venne sancito dalla “Ecatombe” Fornero che ha devastato sogni e progetti di migliaia di lavoratori.

Di sicuro è esagerato affermare che tali provvedimenti rappresentano una minaccia per la stabilità economica Italiana e Mondiale!

Entrambe le misure hanno conosciuto dapprima le risate e successivamente i proclami d’odio e catastrofistici delle opposizioni e della “bella oligarchia”, disgustati dall’idea che qualche soldo in più possa essere loro tolto e donato a chi ne avrebbe veramente bisogno, considerato che esistono pensionati d’oro, deputati, senatori e consiglieri regionali , che molti degli appartenenti a queste ultime tre categorie, la cui pancia piena fa la morale agli altri, vantano pochissimi anni di lavoro, vitalizi e pensioni millionarie.

Per conoscere nel dettaglio tutti gli aspetti dei provvedimenti è necessario informarsi presso i CAF , centri per l’impiego e visitare i siti:

redditodicittadinanza.gov.itMinistero del Lavoro  (SITO UFFICIALE) – Inps (SITO UFFICIALE)

Pietroalessio Celiberti

Lascia un commento

  Subscribe  
Notificami

You may also like

“Puliamo il mondo”, il 21 settembre incontro a Stigliano

Nei giorni 20, 21, 22 Settembre 2019 avrà luogo, in tutta Italia