l buffet allestito nel dopo- partita di Giuseppe Barisano-Accettura G. Colucci

Negli ultimi anni le cronache, nazionali e locali, ci hanno spesso riportato notizie che con il calcio hanno ben poco, o sarebbe meglio dire nulla, a che fare.

I valori che dovrebbero essere l’ispirazione per tutti, atleti e tifosi, vengono sminuiti e umiliati da atti delinquenziali, come pure, tragicamente, anche le cronache lucane hanno raccontato qualche mese fà.

E pure, questo sport, diventato quasi totalizzante in ogni parte del mondo, può ancora raccontare belle storie ed ispirare nobili valori e dare nobili esempi, non è un caso che, tale segnale, sia stato dato proprio in un’ incontro così sentito come il primo dei due “derby”, definito tale data la storia delle due squadre e la vicinanza geografica delle due comunità, del girone di ritorno di seconda categoria, tra Giuseppe Barisano e Accettura G. Colucci.

Al di là dei soliti “sfottò” (che lasciano il tempo che trovano) e del punteggio, (vittoria degli stiglianesi per 3-0), questo incontro merita gli onori della cronaca anche per un’altra iniziativa dall’alto valore simbolico, l’amministrazione comunale infatti, in continuità con la politica del “Terzo Tempo”, portata avanti dal club giallorosso già da qualche anno e recentemente presa ad esempio anche da altre società sportive, ha deciso di offrire il “buffet” (o rinfresco se preferite) post-partita a tutti, vincitori e sconfitti, giocatori e tifosi, dando vita ad una vera e propria festa di sport e condivisione, abbattendo, almeno per un giorno, i “confini geografici e di tifo”.

Con la speranza che venga fatto tesoro di tali gesti, l’apripista per una nuova e autentica “cultura dello sport” sia per gli addetti ai lavori che per noi tutti tifosi e appassionati, affinchè questo nostro pallone non venga “sgonfiato” da chi, con lo sport ha davvero ben poco a che fare.

Pietroalessio Celiberti

 tuttocampo basilicata / seconda categoria – girone B  

ASD Giuseppe Barisano – Comune di Stigliano MT