ospedale di Stigliano

L’Amministrazione del Comune di Stigliano ,l’otto marzo scorso, con una missiva inviata a varie cariche istituzionali nazionali e regionali, invitava a prendere in considerazione l’utilizzo della struttura ospedaliera per questa emergenza “CORONAVIRUS”, in pratica da utilizzare anche per persone che devono osservare una quarantena perché provenienti da altre regioni. Ed eventuale utilizzo di pazienti con patologie acute.
Visto i like che questa proposta ha ottenuto sulla pagina Facebook del Comune di Stigliano, quelle persone non hanno pensato affatto che, un eventuale positività di qualche paziente messo in quarantena, rischierebbe di contagiare anche altri ospiti della struttura. Nella struttura ospedaliera, come molti di voi sanno, vi sono ubicati reparti e servizi: Punto di Primo Intervento, Radiologia, C.U.P., Sala Prelievi, Hospice, Lungo Degenza, Distretto Sanitario ed Ambulatori vari. Anche i meno ravveduti si guarderebbero bene di andarci ad aprire un area riservata per la quarantena con chi sa quanti posti. La struttura non è stata progetta per ospitare un reparto per infettivi, perciò, vista l’alta contagiosità del Covid-19, si rischierebbe di trasmettere il contagio anche all’esterno, con i pazienti che, anziché stare isolati ed osservare la quarantena, li potremmo anche ritrovare nell’atrio a prendersi il caffè o la bottiglietta dell’acqua. Attualmente alcuni reparti sono sotto organico di Medici, Infermieri, Operatori Socio Sanitari, il Punto di Primo Intervento con il solo Medico in servizio senza una figura infermieristica, per non parlare della carenza dei D.P.I. (Dispositivi di protezione Individuali) per cui la proposta di accogliere anche pazienti con altre patologie va di pari passo che c’è bisogno di più personale. IL RISCHIO E’ CHE STIGLIANO SI TRASFORMI IN ZONA ROSSA, visto le restrizioni in corso il rischio è quello di restare in quarantena chissà per quanto tempo.

Buona fortuna a tutti

Pubblicato da Comune di Stigliano – MT su Martedì 10 marzo 2020