Operazione anticrimine dei Carabinieri di Stigliano

0
794
arresto un 31 enne cittadino Rumeno residente in Cirigliano

Tentato omicidio, furto e stalking: I Carabinieri del Comando Stazione di Stigliano, al comando del M.llo V. Indelli, eseguono un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un 38enne accusato di tentato omicidio. Da alcuni mesi hanno intensificato il controllo del territorio per la repressione e la commissione dei reati. Tentato omicidio: Oggi, operazione congiunta dei Carabinieri di Stigliano e il Nucleo operativo della Compagnia Carabinieri di Pisticci con la quale hanno operato un arresto, in seguito ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Matera, nei confronti di D.G. di anni 38 di Stigliano; lo stesso il 4 settembre scorso si era reso responsabile del reato di tentato omicidio premeditato ai danni di M. M. di Stigliano per motivi passionali intercorsi tra lo stesso e la convivente del malcapitato. Il D.G. con un ascia di grosse dimensioni colpiva il M.M. in  parti vitali del corpo, procurandogli ferite giudicate guaribili in giorni 30 S.C.. I Carabinieri del Comando Stazione di Stigliano in seguito ad una incisiva attività investigativa è riuscita a cristallizzare movente e dinamica degli eventi occorsi.

Furto aggravato: Ieri 16 settembre al termine di una lunga attività investigativa, venivano denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Potenza due ragazzi del posto, resisi responsabili di numerosi furti ai danni di cittadini stiglianesi. I due minori, nel periodo compreso tra il 23 e il 28 agosto 2013 si sono resi responsabili di cinque furti all’interno di auto in sosta, prelevando oggetti preziosi e denaro contante.

Caso di stalking: Eseguita ieri mattina  un’ordinanza di misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di  Matera nei confronti di un uomo di anni 25, che si è reso responsabile del reato di “stalking” ai danni di una donna del posto, con la quale in passato aveva intrattenuto una relazione sentimentale. Dalle risultanze investigative, emergeva che l’uomo, ha reiterato atti persecutori mediante minacce, molestie ed ingiurie. L’ufficio G.I.P. del Tribunale di Matera con la predetta Ordinanza di custodia cautelare, disponeva all’indagato di non avvicinarsi alla persona offesa per una distanza minima di 100 metri.