“Il seme dell’amore”, poesia di Giuseppe Palladino

Possano il rispetto tra i popoli e la morale insita in essa essere un deterrente ai venti di guerra che soffiano minacciosi e nello stesso tempo un auspicio per la sospirata pace.
Giuseppe Palladino poeta

IL SEME DELL’AMORE

Segnato dalle rughe e dalla pioggia
l’uomo antico aprì la bocca
e parlando a bassa voce
disse ai figli:
“in passato ci fu un tempo
dove l’odio era nell’uomo
e per distruggersi inventò
molte armi e tante guerre”.
Poi sempre sottovoce
occhi bassi e con rispetto
ancora disse:
“non contento dei suoi danni,
delle guerre e tanti sbagli,
si inventò un’arma nuova.
Nessun cielo, terra e mare
sopravvissero all’ordigno nucleare.
Annebbiato dal peccato
del diabolico potere
poi passò ai ferri corti,
e presuntuoso come sempre
diede carte e sfidò la sorte,
giocando la sua partita con la morte,
fino a quando spalle al muro
perse tutto e fu la fine.”
Adesso qui
in questo mondo
dove la vita è importante,
una cosa abbiam capito:
non c’è posto per l’orgoglio,
non c’è posto per la guerra
che ha spazzato terre e figli.
Adesso qui
siam tutti uguali,
senza prede e predatori
né vincitori e vinti.
Adesso qui
in questo mondo
non c’è uscio chiuso a chiave,
non c’è violenza né dolore
nessuna dignità perduta né orgoglio
non c’è tristezza né erba voglio.
Nelle carte un solo seme,
quello dell’amore,
che da sempre vince l’odio
e spunta ancora.

Giuseppe Palladino

Seguici sui social

1,667FansMi piace
92FollowerSegui
1,210IscrittiIscriviti

Leggi anche

Leggi anche ...
Related

Frustuli di storia e letteratura lucana

Frustuli di storia e letteratura lucana di Angelo Colangelo Recentemente in...

Carnevale nella montagna materana

Carnevale nella montagna materana di Angelo Colangelo Anche nei paesi della...

Un Politico stiglianese del tempo che fu

Un Politico stiglianese del tempo che fu di Angelo Colangelo Salvatore...

Voci poetiche nel paese della Rabata

Voci poetiche nel paese della Rabata di Angelo Colangelo Dopo le...