16 C
Stigliano
domenica 22 Maggio 2022
loghi sposor stigliano.net
HomeNewsSpettacoloIl mondo dei draghi

Il mondo dei draghi

“La leggenda del drago”, che anima da alcuni anni con successo le estati stiglianesi, induce alla rivisitazione di un fortunato genere letterario saccheggiato a piene mani da cinema, teatro e televisione. La spettacolare messa in scena di “La leggenda del drago”, ispirata al libro omonimo di Salvatore Agneta, si inscrive nel solco di un rinato interesse per temi e favole medievali che ormai proliferano in tutt’Italia e non solo.
Ma al di là dello specifico fortunato allestimento stiglianese, l’argomento in sé merita una certa attenzione, una rivisitazione alla luce di una vera e propria esplosione che il genere conosce negli ultimi anni in libreria, in teatro, al cinema e in tv.
Dal vastissimo catalogo letterario spicca per grandi e piccini una serie di titoli fra i più recenti che vede protagonisti questi feroci e, a volte, amabili mostri di altri tempi.
Dalla famosa trilogia “Dragonlance” di Margaret Weis e Hickman Tracy (Armenia Editore) a “Dragonheart” scritta da Todd J. McCaffrey e Anne McCaffrey (Sperling & Kupfer), passando per il classico “La storia infinita” di Michael End (Corbaccio) e “Il drago di ghiaccio” di Martin George R. (Mondadori), fino alle fortunate saghe di “La ragazza drago” dell’italiana Licia Troisi (Mondadori) e di Christopher Paolini, autore di “Eragon”, “Eldest”, “Brisingr” e “Inheritanche” (Rizzoli).

Per i più piccoli, infine, da non perdere “Dragologia” di Ernest Drake (Rizzoli), tre splendidi volumi per sapere sull’argomento tutto e di più. Il salto dei draghi dalla pagina al grande schermo è del tutto naturale. Pionieri della macchina da presa e maghi dei trucchi si cimentano con il bestiario mitologico medievale fin dalle origini del cinema, dando il via al felice approccio con il fantastico e il meraviglioso.
Fra questi esseri mostruosi non potevano mancare le indomabili bestie sputafuoco che danno del filo da torcere al malcapitato cavaliere di turno, o più raramente rappresentano una forza benevola contro stregoni malvagi e cattivi di ogni risma. Dalle iguane goffamente truccate dei primi film allo spaventoso drago nero-viola del cartoon disneyano La bella addormentata nel bosco (1941) di Clyde Geronimi, dal La storia infinita (1984) di Wofgang Petersen e Godzilla contro king Ghidorah (1991) di Kazuki Omori, fino alle stupefacenti creature di Il regno di fuoco (2002) di Rob Bowman, Dragonheart – Cuore di drago (1996) di Rob Cohen, Dragon Trainer (2010) di Chris Sunders e Dean DeBlois e lo stupefacente Avatar (2009) di James Cameron, i draghi attraversano la storia del cinema rischiando però di fossilizzarsi nello stereotipo del mostro ottuso e violento, capace solo di seminare panico e distruzione per poi essere ucciso poco prima dei titoli di coda. Un connubio, quello tra libro e rappresentazione di demoni dalle fauci incendiarie, che sembra non conoscere momenti di stanchezza, come dimostrano appunto opere teatrali quali “La leggenda del drago” e le numerose serie animate che popolano i palinsesti televisivi del globo terrestre.

Giuseppe Colangelo

Articoli simili:
1,667FansMi piace
94FollowerSegui
462IscrittiIscriviti

Ultime Notizie

Archivio Notizie