Il gusto inconfondibile della gastronomia lucana

Il gusto inconfondibile della gastronomia lucana

- in Enogastronomia, News
539
0
Umberto Montano, Il gusto inconfondibile della gastronomia lucana

A dettare il menù delle feste di fine anno è Umberto Montano, che con il suo poetico documentario sulla tradizione culinaria del materano rispolvera dalla ricca dispensa gastronomica regionale il sapore di piatti antichi. Quale bizzarro prodigio ha condotto da queste parti formidabili fotografi come Henri Cartier-Bresson, quando ancora a molti non era chiaro se Basilicata e Lucania fossero il nome della stessa terra? Cosa ha spinto Pasolini ad aggirarsi con il suo Cristo polemico tra i Sassi di Matera? Forse il canto delle sirene di un luogo magico e ameno, esaltato da una luce che fende campi e calanchi di rara bellezza. Uno spicchio d’Italia, i cui piccoli paesi ricordano per esempio a Carlo Levi:”… una Gerusalemme immaginaria nella solitudine di un deserto.” Scorci di una terra selvaggia che ancora oggi suscitano stupore nel visitatore, custodi di uno scrigno di emozioni, tesori, profumi e sapori da tutelare nel profondo dell’anima, per fantasticare questi luoghi quando si è lontani, per alimentare il desiderio di ritornarci, di conoscerli meglio.
Lo stesso stupore carico di emozione accompagna il poetico documentario “BASILICATA GENTE E CUCINA DI UN LUOGO ALTROVE” (2011) ideato e codiretto dal nostro poliedrico concittadino Umberto Montano, noto protagonista nel campo della ristorazione italiana e non solo. Un cortometraggio dall’alto valore etnografico che, attraverso la storia della tradizione culinaria e della forza del dialetto, racconta e valorizza una terra ancora tutta da scoprire. La dignità dei semplici protagonisti, i loro volti e l’approccio delicato con cui Montano conduce la sua indagine in varie località del Materano contribuiscono a creare un affresco autentico e mai nostalgico. Una ricerca e uno sguardo da non lasciare indifferenti che colpisce nel segno. Non a caso, l’opera si è aggiudicata la settima edizione del Premio Cinema “Storie di Cucina”, promosso a Parma da Academia Barilla, il primo Centro internazionale dedicato alla diffusione, alla promozione e allo sviluppo della Cultura Gastronomica Italiana nel mondo. Un grande riconoscimento la cui motivazione espressa all’unanimità da parte della Giuria tecnica e della Giuria popolare recita: “L’intelligente progetto di recupero e censimento delle ricette della gastronomia popolare lucana trova nella nitida fotografia, nell’equilibrato montaggio e nella regia sapiente un ulteriore elemento di pregio e di valorizzazione.”
Un film, dunque, per conservare la memoria di tante semplici prelibatezze che, soffermandosi sul fare di mani esperte, oltre a stuzzicare il palato si propone di indurre lo spettatore a provare a cimentarsi in cucina, a provare il piacere di soddisfare un ineludibile necessità interiore.

Giuseppe Colangelo

Scheda tecnica

Basilicata gente e cucina di un luogo altrove
Italia, 2011
Regia: Umberto Montano, Mario Raele
Voce narrante: Alessandro Haber
Durata: 14’
Documentario
Genere: sociale
Produzione: Camera di Commercio, Industria, Artigianato 

e Agricoltura di Matera
Formato di proiezione: colore

 

Lascia un commento

  Subscribe  
Notificami

You may also like

Piazza Zanardelli racconta

«Mi vedi vuota e spoglia, quasi insignificante. Certo