Frecce Tricolori

Frecce Tricolori – In Italia fin dagli anni ’30 si iniziò a praticare il volo acrobatico per rappresentare l’Aeronautica Militare in manifestazioni aeree internazionali e mantenerne alto (è proprio il caso di scriverlo!) l’onore e il prestigio. Negli anni ’50 lo Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare valuta la possibilità di creare una vera e propria pattuglia acrobatica e lo fa affidando il compito a reparti di prima linea. L’affido avviene a rotazione e ben presto si comprende che questo metodo non garantisce la giusta continuità delle esperienze e delle professionalità raggiunte dai vari piloti. Nel 1960 si decide, quindi, di creare un reparto espressamente dedicato all’addestramento acrobatico e in grado quindi di perfezionare la preparazione dei piloti. Il 1° luglio 1961 viene così ufficialmente costituito, nell’aeroporto di Rivolto (UD), il 313° Gruppo Addestramento Acrobatico nel quale confluiscono piloti veterani di reparti diversi. I velivoli in dotazione sono sei CL13, sostituiti poi dai Sabre, e recano la scritta FRECCE TRICOLORI

foto dell'Aeronautica Militare
foto dell’Aeronautica Militare

. Dal 1964 le Frecce Tricolori vengono dotate di venti esemplari del nuovo caccia tattico leggero Fiat G91 modificati per l’addestramento acrobatico. Tra le modifiche figura un impianto fumogeno alimentato da apposite taniche subalari. E’ la prima volta, dalla fine della seconda guerra mondiale, che l’Aeronautica Militare dota una pattuglia acrobatica con un veivolo di progettazione e costruzione interamente italiane. I programmi di volo delle Frecce Tricolori prevedono figure come il cardioide, il doppio tonneau, l’Arizona, la bomba e l’Apollo 313. La versatilità, la maneggevolezza e la possibilità di effettuare anche la tipica attività addestrativa dei reparti caccia leggeri del G91 permette ai piloti di esprimersi al meglio consentendo loro di riscuotere grandi successi in Italia e all’estero e di diventare uno dei migliori team acrobatici  del mondo. Nel 1982 il G91 viene sostituito dall’MB339, un altro successo dell’industria nazionale. Con l’entrata in linea del nuovo velivolo, la PAN (Pattuglia Acrobatica Nazionale) si esibisce nella formazione di nove più uno con un miglioramento del programma acrobatico.

foto dell'Aeronautica Militare

Infatti, poiché l’MB339 è una macchina più “docile” e agile della precedente, permette di avere sempre la formazione nelle vicinanze del pubblico, mentre i tempi morti sono colmati dal solista. Il programma di volo delle Frecce Tricolori, che nel corso degli anni si arricchisce e si perfeziona, tiene conto sia della spettacolarità che della sicurezza. Quest’ultima diventa prioritaria dopo il tragico incidente di Ramstein, in Germania, quando nell’agosto del 1988, durante un’esibizione, rimasero coinvolti tre MB339. Dal 1982 le Frecce Tricolori hanno effettuato tournèe in tutto il mondo evidenziando sempre la professionalità e la preparazione del reparto simbolo dell’Aeronautica Militare Italiana. Significativo è il “Premio Leonardo alla Carriera 2008” consegnato alle Frecce Tricolori dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano quale simbolo di eccellenza del nostro Paese nel mondo. Il 12 Settembre, presso il 2° Stormo di Rivolto (Udine), si sono concluse le celebrazioni per il 50° Anniversario della ‘Frecce Tricolori’. Una manifestazione che ha visto oltre 450.000 spettatori nella base aerea a conferma del grande affetto dell’Italia nei foto dell'Aeronautica Militareconfronti della Pattuglia Acrobatica Nazionale. 50 anni di storia e di valori delle Frecce Tricolori e dell’Aeronautica Militare portati tra la gente. L’abbraccio dei 450.000 dimostra la condivisione degli ideali e della passione italiana per il volo e l’orgoglio per uno dei più significativi e prestigiosi simboli di italianità.

 

N.B. le fotografie sono dell’Aeronautica Militare, altre notizie e immagini sulla P.A.N. sono disponibili sul sito www.aeronautica.difesa.it;

i video sulle Frecce Tricolori sono di Mefisto5000 su youtube e lemiefreccetricolori.blogspot.com

 

 

Admin2

Stigliano 17 dicembre 2010