Contro il Bullismo Politico-Finanziario!

Contro il Bullismo Politico-Finanziario!

- in Economia, News, Politica
267
0
popolo in cammino

A mia memoria non ricordo una legge finanziaria tanto vituperata come quella che il governo M5S – Lega, guidato da Giuseppe Conte, si accinge a presentare al parlamento italiano nei prossimi giorni.

Certo, ogni legge finanziaria, nella storia repubblicana, ha avuto favorevoli e contrari, l’unico caso paragonabile (ma neanche troppo) è quello della manovra economica del governo Monti nel 2011, con la differenza che i grandi partiti e i loro media descrissero quell’abominio (che tra le altre cose ci donò la cara Legge Fornero) come un atto dovuto nei confronti dell’Europa.

Reddito di Cittadinanza, implementazione per le pensioni minime e altre misure in favore dei cittadini, …….ma stiamo scherzando? Lo credo che tutti questi detrattori si stanno scatenando! Per loro non sono cose normali!

I principali garanti delle elite, Forza Italia e il Partito Democratico, stavolta condendo il tutto con la scusa del “rischio per i risparmi dei cittadini”, delle “garanzie per i fannulloni”, del populismo e della demagogia, non mancano mai di vomitare bile su chi, per la prima volta, sta indirizzando il proprio sguardo verso le fasce più deboli della società, il partito più importante

Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei Ministri

della “sinistra capitalistica” si è particolarmente distinto nella giornata di Domenica, con quella grande buffonata chiamata “manifestazione” che ha avuto luogo a Roma, alla quale avrebbero partecipato “migliaia” di persone, evento con il quale il PD ha ribadito, ancora una volta, la propria avversione nei confronti dell’Italia e dei suoi cittadini, non bastassero i cinque infernali anni dei Governi Letta, Renzi e Gentiloni, durante i quali la dignità della principale nazione fondatrice della comunità europea è stata barattata in cambio di 80 Euro.

A fare eco a tutto ciò i media di partito e gli interventi di inizio settimana dei “Compagni di merenda”, mi riferisco ai “quattro dell’ave Maria” che rispondono al nome di Dombrowskis, Moskovici, Le Maire (per conto di Macron) e il capobanda Jean-Claude Juncker, il quale ha sbaragliato tutti con la frase “bisogna essere rigidi con l’ Italia altrimenti è la fine dell’Euro”.

E non potevano mancare le principali armi ricattatorie della finanza europea; lo spread e il crollo della borse.

Che a questi “personaggi” non gliene importasse nulla della dignità del popolo Greco prima e di quello Italiano poi ci avevamo fatto il callo ma come recita una frase di Socrate “C’è un limite oltre il quale la sopportazione cessa di essere una Virtù”.

Gente messa lì da chissà chi in rappresentanza delle lobby e grandi elite, le quali sono identiche agli scafisti, l’unica differenza è che la mercificazione della vita umana, operata da questi signori in giacca e cravatta, avviene nelle piazze finanziarie anziché nel mar mediterraneo.

Tutti accumunati dal terrore che l’Italia riacquisti dignità.

BASTA CON IL “FEUDALESIMO 4.0”!

C’è qualcosa di più importante dei luridi profitti e dei privilegi conquistati da questi signori e dai loro fiancheggiatori, è la dignità umana, donataci da Dio e non dal capitale!

Mettetevelo bene in testa, gli italiani, in quanto esseri umani, non vogliono essere vostri servi!

Lo dico ai responsabili convertitevi! Una volta verrà il guidizio di Dio! (San Giovanni Paolo II)

Pietroalessio Celiberti

Lascia un commento

  Subscribe  
Notificami

You may also like

Lampi di Stampa: Il sapore del dialogo

LAMPI DI STAMPA Per gentile concessione del quotidiano