Attenti al cane….randagio!

Attenti al cane….randagio!

- in Cronaca, News
904
0

Anche a Stigliano è diffuso il fenomeno del randagismo, fenomeno che, in alcuni casi, provoca diversi disagi alla popolazione.

Nel rione labbruto, da diversi mesi, un piccolo gruppo di cani randagi si è “stabilito” nei pressi dell’incrocio tra piazzale Labruto e Via Bianco (nelle vicinanze del Crocifisso), purtroppo, negli ultimi giorni, gli animali mostrano un atteggiamento abbastanza aggressivo nei confronti di coloro che transitano in zona o (come capitato al sottoscritto) che si recano semplicemente presso il cassonetto per la raccolta degli abiti usati, inoltre gli animali sembrerebbero essere attivi soprattutto nelle giornate soleggiate, per poi “scomparire”, presumibilmente, in una tana sottostante. 

A seguito di episodi analoghi, avvenuti in precedenza, è stato presentato un esposto alle autorità affinchè tale problematica venga risolta al più presto, stando a quanto riferito, a breve dovrebbe arrivare da Matera personale specializzato nella cattura degli animali.

Teniamo a sottolineare, a scanso di equivoci, che NON SIAMO CONTRO GLI ANIMALI, NÉ SIAMO A FAVORE DI MALTRATTAMENTI NEI CONFRONTI DI ESSI, l’unico interesse e quello di richiamare l’attenzione su di una problematica che sta creando non pochi disagi ai residenti del rione, in altre località italiane episodi simili hanno avuto epiloghi spesso drammatici, con persone aggredite da gruppi di animali, per non parlare poi di altri episodi  (a Stigliano) in cui altri cani o gatti (randagi) vanno a rovistare nelle buste e nei secchietti della raccolta differenziata  (in attesa che questi vengano svuotati) in diverse zone del paese.

Sollecitiamo chi di competenza (Regione, Provincia, Comune o chiunque sia) affinché questa problematica venga risolta al piú presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Premio Don Alberto Di Stefano: Premiati M.P. Bentivenga e S. Gravinese

Premio Don Alberto Di Stefano – Nell’ambito della