Artisti Italiani “sgraditi” all’ Ucraina

Artisti Italiani “sgraditi” all’ Ucraina

- in News, Spettacolo
286
0
Michele Placido e Albano Carrisi

Si dice che le arti, ed in particolare la musica, uniscano e migliorino il mondo, a quanto pare qualcuno non la pensa proprio allo stesso modo.

Ne è testimonianza la notizia balzata alle cronache nazionali da ormai diversi giorni, le autorità Governative Ucraine hanno stilato una lunga lista di artisti classificati come “nemici della Nazione e del popolo” e di conseguenza non graditi, al quale verrà vietato l’ ingresso nel paese, la maggior parte sono artisti russi ma spiccano anche personaggi di altre nazionalità, ad esempio il regista Emir Kusturica e molti artisti Italiani.

Tra gli Italiani i nomi che spiccano sono quelli di Al Bano e dell’ attore e regista Michele Placido, in particolare “La Voce” di Cellino San Marco (nonché produttore di vini) è nota per la stima e le sue posizioni favorevoli nei confronti del Presidente Russo Vladimir Putin.

Quella stessa lista, su richiesta di alcuni deputati di Kiev, è destinata ad allungarsi, anche Toto Cutugno, che da anni fa parte dell’ associazione “amici di Putin”, famoso per i suoi duetti con il coro dell’ armata rossa e le sue posizioni a favore dell’ annessione della Crimea alla Federazione Russa, è tra coloro che verranno inseriti, il cantante, proprio in questa settimana, aveva in programma un concerto nella Capitale Ucraina, ora destinato a saltare.

E chissà che a riempire l’ elenco delle “probabili spie, agenti e teroristi russi” non vi siano prossimamente anche Renzo Arbore e l’ Orchestra Italiana, i “Ricchi e Poveri” e Pupo (solo per fare degli esempi), amati anch’ essi nella “madre  patria Russia”.

Toto Cutugno

Tale vicenda è solo l’ ultimo frutto della ormai atavica disputa, militare, politica e diplomatica tra Mosca e Kiev riguardo la Crimea, il Donbass e altri territori ed anche la campagna mediatica (tutta Occidentale) contro il Presidente Russo (che certamente NON è un Santo) e la nazione che rappresenta, ci ha messo del suo, direttamente e indirettamente.

Appare quanto meno curioso, poi, come un Governo (non il suo popolo, badate bene) che si dice Democratico e diametralmente opposto al “malvagio e autoritario presidente Russo” adotti decisioni tipiche delle dittature.

A volerla buttare sul ridere potremmo dire che il colmo per Al Bano è essere messo “Al Bando”.

Pietroalessio Celiberti

Lascia un commento

  Subscribe  
Notificami

You may also like

Cerimonia inaugurazione murale di Mino di Summa

Cerimonia di benedizione del murale realizzato da Mino di Summa