Più pesante del previsto il bilancio della frana nella zona castello. Trenta, in tutto, gli immobili sgomberati. Ordinanze anche per i non residenti. Amministrazione in cerca di una soluzione. Trenta immobili sgomberati e 17 famiglie fuori dalle loro case. E’ più pesante del previsto il bilancio della frana nella zona castello di Stigliano. L’area interessata dallo smottamento è già stata circoscritta e viene continuamente monitorata. Anche perché il quadro emerso dal sopralluogo tecnico condotto dai geologi dell’Ufficio Difesa del Suolo del Dipartimento Infrastrutture della Regione Basilicata, insieme ai tecnici della Protezione civile e del Comune non è dei migliori. Tutt’altro. Si tratta, infatti, di “un fenomeno complesso, reso ancor più articolato dalla particolare fessurazione delle rocce a monte”.

Il distacco di un costone roccioso dalla rupe su cui si erge il maniero che fu dei della Marra si è, praticamente, portato via l’intero boschetto sottostante, invadendo buona parte delle limitrofe vie cittadine (De Chiara, rampa De Chiara, vico II Salvati e largo Masaniello ndr). Per le abitazioni ricadenti lungo questo percorso il sindaco, Antonio Barisano, ha già disposto l’evacuazione dei locali, al fine di tutelare la pubblica incolumità. Ordinanze sono state emesse anche per abitazioni di non residenti. Per il momento le famiglie sgomberate alloggiano presso parenti. Ma l’Amministrazione comunale, come riferito dallo stesso primo cittadino, si sta già attivando per trovare una soluzione, in modo da garantire degli alloggi da destinare alle 17 famiglie sfollate.

 

Home » 17 Famiglie sfollate per la frana » Eventi 2014 » Frana rupe del Castello