Un Diamante di booktrailer: “La Scordanza – Dora Albanese”, di Pietro Micucci vince in Calabria

Un Diamante di booktrailer: “La Scordanza – Dora Albanese”, di Pietro Micucci vince in Calabria

- in News, Spettacolo
1367
0
Dora Albanese La Scordanza

Stigliano – Sarà “La Scordanza”, il booktrailer autoprodotto, diretto da Pietro Micucci e scritto da Annalisa Insardà a ritirare, il prossimo 26 Maggio a Diamante (CS), il primo premio della quarta edizione del concorso di Video-poesia e Book-Trailer “La bellezza dell’eterno – Ugo Grimaldi”.

È stato dunque il booktrailer“La Scordanza”, tratto dall’omonimo romanzo della giornalista e scrittrice lucana Dora Albanese, ad ottenere il massimo riconoscimento. La Giuria, si legge in una nota, all’unanimità ha deciso di assegnare un Primo Posto assoluto, in quanto le opere pervenute al concorso non sono state ritenute, dalla stessa commissione giudicatrice, meritevoli di encomio.
La collaborazione e la forte amicizia che lega Dora e Pietro da diversi anni, ha portato il raggiungimento di un successo importante, probabilmente il primo di una lunga serie di riconoscimenti per entrambi, infatti, se Micucci si è affacciato da poco al mondo dei booktrailer ottenendo già ottimi riscontri, Dora, oggi più che mai, è lanciatissima in un mondo, quello letterario che l’ha già vista protagonista in passato.

<<Avendo lasciato la libertà a tutti di muoversi nei propri spazi – commenta Dora Albanese – credo che questo gesto di grande fiducia che ci siamo dati, abbia contribuito a portare avanti un buon prodotto. La Scordanza è il racconto di tutti, noi non abbiamo fatto altro che dargli un ritmo, un movimento e dei colori.
Il booktrailer La Scordanza ha vinto. Grazie sempre a chi cammina spinto da un vento buono, quello dell’umanità. Grazie a chi crede ancora che scrivere non sia raccontare miscugli di felicità incipriati da colpi di scena o di infelicità stile Hollywood. Scrivere per me è una missione e non importa chi mi pubblicherà in futuro ma chi avrà il coraggio di offrirmi fiducia e un bicchiere d’acqua per continuare a raccontare. Dedico questo premio, continua Dora, a Claudio, mio figlio. Ringrazio Annalisa Insardà per avermi fatto dono della sua professionalità e umanità e bellezza e per aver indossato onestamente i panni e il dolore di Caterina, senza riserve.Ringrazio Pietro Micucci per aver condotto egregiamente la sua regia e Stefania Fornabaio per il trucco.Ringrazio Dino Filippo Giovanni Cifarelli e Angela Racioppi, anche loro protagonisti eccellenti.Ringrazio la giuria del premio “la bellezza dell’eterno” per averci dato questa gioia, fonte di speranza.>>

A Muggera – si legge in alcune righe del romanzo di Dora Albanese – il mondo sembra essersi fermato: le donne alternano le preghiere del rosario alle formule per l’affàscino; gli uomini sono pronti a uccidere per uno sguardo di troppo; nel bosco, nascoste tra i calanchi, le fattucchiere preparano filtri d’amore.

«E se ti facessi del male? Nessuno potrebbe salvarti…»
«Io non voglio essere salvata.»

A Caterina tutto questo sta stretto: è troppo bella e giovane per restare in un posto senza futuro. Ma come fa ad abbandonare la famiglia quando il suo corpo le ricorda che a casa c’è un bambino da allattare? È così che incontra Nadir, un uomo brutale, selvaggio, che non le offre nulla se non l’occasione di fuggire. E di scoprire, fuggendo, cosa resta di una persona quando sceglie di recidere tutti i legami della sua vita.

Nel cast artistico, Claudio Di Consoli (figlio di Dora), Angela Racioppi di Guardia Perticara, oltre alla presenza degli stiglianesi Dino Filippo e Giovanni Cifarelli, anche un’ottima Annalisa Insardà, attrice e autrice italiana, che ha prestato egregiamente il suo volto a Caterina, la protagonista di questa incredibile storia ambientata nel sud Italia. Fondamentale il trucco e parrucca egregiamente realizzato dalla stiglianese Stefania Fornabaio e i costumi a cura della nostra compaesana Rosanna Uccelli.

<<Ho trovato naturale realizzare questo prodotto per lo spessore umano e professionale di quanti sono stati coinvolti in questo progetto; afferma Pietro Micucci che poi continua, Dora ha fatto la magia: ha scritto un romanzo di cui ne consiglio la lettura a tutti, ed ha creato per questa circostanza una squadra meravigliosa. È stato un privilegio lavorare con un’attrice come Annalisa. Il mio più sentito ringraziamento va a chi ha creduto in questo progetto, a mio fratello Dino, a Giovanni, a Stefania, a Rosanna, ad Angela e al sindaco di guardia Angelo Mastronardi, sempre disponibile nei confronti dei giovani che credono in questa terra. Felice di questo risultato, ringrazio la giuria per aver dato un encomio a questo piccolo prodotto. La mia gratitudine va soprattutto a Claudio,per avermi insegnato che si può essere grandi anche a 14 anni. È stata un’esperienza nuova,ricca di poesia e magia.>>

Clicca qui per vedere il booktrailer

Michele Ungolo

Lascia un commento

  Subscribe  
Notificami

You may also like

“LA MUTA DEL SERPENTE”