16 C
Stigliano
sabato 21 Maggio 2022
loghi sposor stigliano.net
HomeNewsCronacaStigliano, un dissesto dopo l'altro

Stigliano, un dissesto dopo l’altro

Si aggrava la situazione nel centro abitato. Sgomberati 8 immobili fra abitazioni e depositi. Tre “nuovi” nuclei familiari evacuati. Notevoli i disagi. E l’emergenza continua. Stigliano Emergenza frane. Si aggrava la situazione nel centro abitato di Stigliano. Non bastavano i già 30 immobili sgomberati e le 17 famiglie fatte uscire dalle loro case, nello scorso mese di dicembre, a seguito della frana nella zona del castello. Dalla vigilia di Pasqua altri tre nuclei familiari hanno dovuto trovare sistemazione presso parenti ed amici per gli effetti di un altro movimento franoso. Stavolta tra corso Vittorio Emanuele e vico Storto Magenta, in pieno centro storico cittadino. Otto, in tutto, gli immobili (3 abitazioni e 5 depositi ndr) sgomberati con un’ordinanza a firma del sindaco in carica, Antonio Barisano. Disposta anche la chiusura al traffico veicolare dell’arteria fino a piazzetta Salomone, corso Vittorio Emanuele e via Carità. Forse delle infiltrazioni di acqua dovute alla rottura di una condotta che serve la zona alla base di questo ennesimo caso di dissesto. Ma è solo una delle ipotesi al vaglio dei tecnici, già al lavoro subito dopo l’allarme lanciato dagli inquilini delle stesse abitazioni evacuate. Dei rumori strani li avevano insospettiti. Più precisamente, una sequenza di scricchiolii provenienti dal solaio e dai muri laterali e a seguire delle crepe che andavano via via allargandosi. Segnali di pericolo fin troppo evidenti.   Tanto che l’immediato sopralluogo di tecnici comunali e dei Vigili del fuoco ne ha consigliato, oltre all’evacuazione, l’esecuzione dei provvedimenti cautelativi e l’interruzione delle forniture di acqua e gas. Su tutta l’area continuano, ad ogni modo, le verifiche e la situazione viene costantemente monitorata. E i disagi non solo permangono ma continuano ad aumentare, visto che ora bisognerà pensare a una sistemazione di prospettiva per i “nuovi” evacuati, che si vanno ad aggiungere ai precedenti ancora temporaneamente ospitati da parenti e amici. Sperando che la lista non si allunghi ulteriormente.

Antonio Grasso

da  www.sassiland.com

 

Articoli simili:
1,667FansMi piace
94FollowerSegui
462IscrittiIscriviti

Ultime Notizie

Archivio Notizie