16 C
Stigliano
sabato 13 Agosto 2022
loghi sposor stigliano.net
HomeNewsSanità, aspro confronto tra ANSB e Politica

Sanità, aspro confronto tra ANSB e Politica

Di seguito riportiamo i comunicati stampa del Presidente onorario dell'ANSB Leonardo Pinto e del capo gruppo di Forza Italia Regione Basilicata Francesco Piro.

Sanità, aspro confronto tra ANSB e Politica –

URGE UNA SVOLTA POLITICA TANGIBILE PER LA SANITÀ PUBBLICA LUCANA

L’assessore Leone va sostituito, il Presidente Bardi deve cambiare passo

Sanità e territorio, incontro a Tricarico
Avv. Leonardo Pinto, Presidente onorario ANSB

Con onestà intellettuale, affermo convintamente che la responsabilità dello stato comatoso in cui versa la ns. sanità non è solo della compagine politica che governa attualmente la Basilicata e neppure degli attuali dirigenti delle aziende sanitarie lucane. La sua cronicità disfunzionale proviene da lontano (penso a Bubbico e suoi successori); essa è la conseguenza di continue scelte politiche e gestionali sbagliate, oltre che clientelari.

Quando si è avuta la fortuna di avere la presenza di medici bravi nulla è stato fatto per trattenerli, come insegnano i tristi accadimenti verificatisi nell’ospedale “Madonne delle Grazie” di Matera; anzi si è fatto in modo che andassero via perché scomodi alla politica, anche se utili ai malati; vanno pure ricordate le cene elettorali organizzate da medici, infermieri ed amministrativi per guadagnarsi carriere “folgoranti”.

E i malati? Illustri sconosciuti, cinicamente “usati” per aprire, chiudere o accorpare reparti in base ad esigenze e convenienze politiche.

E la sanità privata finanziata da quella pubblica? Molto più efficiente; alla politica va bene così.

E le lunghe liste di attesa per visite specialistiche presso strutture sanitarie pubbliche? Sempre più lunghe; salvo rivolgersi a pagamento a strutture private finanziate dalla sanità pubblica.

E la politica di destra, di sinistra e di centro? Grande assente; anzi, presente con i vizi di sempre: impegno permanente in strategiche scelte (sciagurate) finalizzate ad aumentare consensi elettorali, mentre i malati migrano verso strutture sanitarie ed ospedaliere extraregionali oppure -i più sfortunati- soccombono.

Questo è il quadro desolante della sanità lucana, di cui la Presidente della ANSB, Prof.ssa Rasulo, ha fatto cenno nel resoconto dell’incontro avuto con la Dg Pulvirenti con il Ds Magno dell’ASM di Matera, ampiamente ripreso dalla stampa locale.

L’Associazione Nuova Sanità e Benessere, che opera a livello regionale, e non solo, persegue l’obiettivo di un nuovo modello di sanità pubblica che abbia il malato come centro di interesse principale; traguardo possibile solo attraverso una politica sensibile verso chi ha bisogno di cure, in linea con l’art.32 della ns. Costituzione.

Le disfunzioni e carenze esistenti sono oggettive, non opinabili; il centrodestra che governa la Regione, in primis l’Assessore alla sanità Leone, ad oggi, non hanno dimostrato di volerle rimuovere e neppure di essere politicamente in grado di farlo; nonostante ciò, c’è chi ipotizza un nuovo ospedale della “Magna Grecia” slegato dalla realtà territoriale della provincia di Matera.

I cittadini lucani chiedono di poter usufruire di visite specialistiche, radiografie, analisi di laboratorio nelle strutture ospedaliere pubbliche esistenti senza estenuanti liste di attese, incompatibili ed inammissibili con le finalità delle prestazioni di cui si ha bisogno.

Il centrodestra, per distinguersi dal centrosinistra, deve concretizzare quello che decide; è il caso dell’ospedale di zona disagiata di Stigliano, la cui proposta -avanzata dal Consigliere Regionale Braia-, è ferma sebbene approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale.

Presidente Bardi, deve cambiare passo; così non va. Il governo regionale ha bisogno di una svolta seria, proficua ed efficace, senza alchimie politiche, senza manuale Cencelli e senza tentennamenti. Per la sanità, incamminata verso il commissariamento, purtroppo, è necessario sostituire l’Assessore Leone di cui l’ANSB ha più volte chiesto le dimissioni perché politicamente insufficiente allo scopo, come dimostrano le persistenti criticità di tutte le strutture ospedaliere lucane da Maratea a Melfi, comprese quelle di Potenza e Matera.

L’ANSB, d’ora in avanti, si adopererà sempre più -con maggior impegno e maggiore fermezza- affinché la politica governativa regionale metta le Aziende sanitarie, quindi anche l’ASM di Matera in “sofferenza” da anni, nelle condizioni di poter assolvere alle loro funzioni e non mancherà di verificarne la corretta gestione.

Matera, 27 febbraio 2022
Avv.Leonardo Pinto
Presidente Onorario ANSB

Sanità, aspro confronto tra ANSB e Politica

LA RISPOSTA DEL CAPOGRUPPO REGIONALE FRANCESCO PIRO (Forza Italia)

Piro (Fi): a Pinto diciamo che non siamo disposti a tollerare manovre occulte Dichiarazione capogruppo Forza Italia in Consiglio Regionale, Francesco PIRO

da sinistra, Dr Rocco Leone, Ing. Francesco Piro

Non so quali siano le reali motivazioni che hanno spinto l’avvocato Leonardo Pinto, “storico” esponente missino della provincia di Matera, questa volta vestendo i panni di Presidente onorario di una non meglio precisata Associazione ANSB, a chiedere le dimissioni dell’assessore regionale alla salute Rocco Leone. Le sue parole probabilmente dettate chissà da chi sono prive di verità e di buon senso. La strumentalità è evidente nella dichiarazione con la quale non fa distinzione tra politica di destra, sinistra e centro e pretende di dare lezioni di politica, tra l’altro trincerandosi dietro una sigla associativa che come tale dovrebbe essere neutrale. L’avvocato se ha voglia di tornare a fare politica farebbe bene a scendere in campo e a candidarsi invece di limitarsi ad uscite talmente demagogiche da far saltare dalla tomba Almirante. Sia chiaro: l’Assessore Leone non ha bisogno di difese di ufficio perché può a testa alta vantare un’intensa e proficua attività specie nei due anni di pandemia che hanno segnato profondamente il suo impegno. Ma di fronte a manovre occulte o palesi che siano di introdurre pseudo posizioni politiche da trasformare in attacchi non siamo disposti a tollerare che si getti fango tanto per aprire la bocca o perché qualcuno affidi a terzi attacchi prima che politici di natura personale.

Sanità, aspro confronto tra ANSB e Politica –

LA REPLICA DELL’AVVOCATO PINTO ASSOCIAZIONE NUOVA SANITÀ E BENESSERE

L’INUTILE IRRITAZIONE DEL CONSIGLIERE REGIONALE PIRO (FI)

A proposito della nota a mia firma sul disastro della sanità lucana ripresa oggi dalla stampa locale, di cui tutti sono consapevoli, tranne il Consigliere Piro, il medesimo paventa “una «manovra occulta» di Pinto per conto di «terzi» non meglio identificati precisando “di non conoscere «le reali motivazioni che hanno spinto l’avvocato Leonardo Pinto, “storico” esponente missino della provincia di Matera ……..chiedere le dimissioni dell’assessore regionale alla salute Rocco Leone»; poi aggiunge <<Le sue parole probabilmente dettate chissà da chi -ha proseguito il capogruppo azzurro- sono prive di verità e di buonsenso. La strumentalità è evidente nella dichiarazione con la quale non fa distinzione tra politica di destra, sinistra e centro e pretende di dare lezioni di politica, tra l’altro trincerandosi dietro una sigla associativa che come tale dovrebbe essere neutrale. Di qui l’invito all’avvocato «a tornare a fare politica» candidandosi alle prossime elezioni «invece di limitarsi ad uscite talmente demagogiche da far saltare dalla tomba Almirante>>.

La difesa politica di Leone, da parte di Piro, inconsistente rispetto alla questioni di merito evidenziate mio tramite dalla ANSB, si commenta da sola e non richiede alcuna risposta atteso che sono stati ampiamente e puntualmente illustrati i motivi della richiesta di dimissioni del Dott.Leone ovvero la sua sostituzione da Assessore regionale alla Sanità.

La scarsezza politica delle sue argomentazioni, che non scalfiscono la mia storia politica, mi suggerisce di invitarlo a rileggere attentamente quello che ho scritto rassicurandolo che le uniche manovre che attualmente si colgono sono quelle finalizzate a conservare posizioni di potere a livello regionale, finora gestite malamente nel settore della sanità pubblica. Sostenere il contrario è proprio impossibile! Tranne -ovviamente- per Piro.

Se il Consigliere Piro, invitato come tutti i Consiglieri Regionali, avesse partecipato al convegno organizzato dalla ANSB il 13 novembre scorso a Stigliano, avrebbe ben compreso, tra l’altro, la funzione, le finalità e i propositi dell’Associazione per quanto riguarda la tutela della salute e dell’ambiente. Vi può rimediare ascoltando con attenzione gli interventi svolti pubblicati sul gruppo Facebook dell’Associazione Nuova Sanità Benessere; la sua inutile “irritazione”, nell’ardua difesa politica dell’Assessore Leone, conferma la necessità della sostituzione di quest’ultimo da Assessore regionale alla Sanità.

La minaccia di Piro di scioglimento anticipato del Consiglio Regionale non spaventa i Lucani i quali, invero, secondo opinione comune, lo auspicano sinceramente.

28 febbraio 2022
Avv.Leonardo Pinto
Presidente Onorario ANSB

leggi altro su ANSB

Articoli simili:
1,667FansMi piace
95FollowerSegui
462IscrittiIscriviti

Ultime Notizie

Archivio Notizie