Sanguisughe

Sanguisughe

- in Cultura
277
0

il nuovo libro di Mario Giordano. Il lavoro,  tratta di un viaggio tra gli scandali della previdenza italiana.

Un libro con “carattere” sicuramente.
Contro gli stipendiati italiani che si barcamenano con i loro mille euro al mese, Giordano propone  i vitalizi record di politici con un solo giorno di lavoro oppure i boss mafiosi che percepiscono la pensione.
Una realtà che lascia a bocca aperta i lavoratori che si vedono prosciugati i loro guadagni da queste “sanguisughe”.
C’è il pensionato Inps più ricco d’Italia: 90.000 euro al mese. C’è l’onorevole che è stato in Parlamento un solo giorno e potrà contare per tutta la vita su una pensione da deputato.
C’è l’ex presidente del  Consiglio che ha tagliato le pensioni altrui e ne ha ottenuta per sé una da 31.000 euro al mese.  C’è l’ex presidente della Repubblica che, oltre al vitalizio, incassa 4766 euro netti al mese come ex magistrato, pur avendo svolto questa attività per soli 3 anni.
E poi ci sono le baby pensioni, le pensioni ai mafiosi, le doppie, triple e quadruple pensioni: mentre al cittadino qualunque vengono chiesti continui sacrifici sul fronte previdenziale, mentre l’Europa insiste per allungare la vita lavorativa e i giovani non sanno se potranno mai avere una vecchiaia serena, la casta dei pensionati d’oro mantiene i suoi privilegi, anzi se ne riserva sempre di nuovi.
Tutto perfettamente legale, s’intende, ma con la differenza non trascurabile che, in questo caso, la legge viene applicata con sorprendente rapidità, mentre ci sono centinaia di comuni cittadini che devono attendere anni per veder riconosciuti i loro diritti previdenziali.
Dal dirigente della Banca d’Italia che va a riposo a 44 anni con 18.000 euro al mese al burocrate che, ancora nel 2009, va in pensione a 47 anni con 6000 euro netti (e l’incarico da assessore), dal commesso del Senato che prende 8000 euro al mese alla bidella pensionata a 29 anni, dal falso cieco che va a ritirare la pensione al volante della sua automobile alle presunte pensionate dell’agricoltura che giurano di aver passato anni a raccogliere «olive quadrate», Mario Giordano ci guida nel labirinto degli scandali, degli inganni e degli abusi della previdenza italiana: un buco nero che grava sulle spalle dei contribuenti e mette a rischio il loro futuro.
Da questo desolante panorama emerge un’indicazione chiara: visto che continuano a chiedere tagli alle pensioni, non si potrebbe cominciare da qualcuno di questi privilegi?

Lascia un commento

Lasciaci un commento!

Notificami
wpDiscuz

You may also like

Interventi di Restauro per l’effige di Sant’ Anna Metterza

Ieri mattina la Statua raffigurante Sant'Anna Metterza, opera appartenente alla Chiesa di Santa Maria Assunta di Stigliano (Chiesa Madre), è stata trasportata a Matera, presso