L’AMMISSIONE AGLI ORDINI SACRI DI Vincenzo Cantore.

L’AMMISSIONE AGLI ORDINI SACRI DI Vincenzo Cantore.

- in Sociale
197
0
Vincenzo Cantore
CATTEDRALE DI TRICARICO 08/04/2009 ore 17,30.
La mia storia vocazionale (in breve)Sono nato a Stigliano, il 09 giugno 1986.
Ho frequentato in paese la scuola materna, la scuola elementare e la scuola Media.
Dopo, avvertendo dentro di me, la volontà di seguire il Signore, con il consiglio del Parroco sono entrato nel Seminario Minore di Potenza dove ho frequentato il Liceo classico e dove la mia vocazione si è rinvigorita sempre di più.
Avendo terminato il Liceo e essendo cosciente della volontà di Dio su di me, in piena libertà e con consapevolezza decisi di entrare nel Seminario Maggiore di Basilicata a Potenza per continuare il mio cammino vocazionale.
Durante gli anni del Seminario Maggiore si frequenta l’Università (Facoltà teologica dell’Italia Meridionale – sezione di Potenza).
Presentazione della vita di Seminario e delle sue tappe: Gli anni di seminario sono 6, in questi anni avviene la formazione da parte di alcuni sacerdoti presenti in seminario dei quali il rettore, il vice-rettore, il Padre Spirituale, che hanno il compito di formarci dal punto di vista umano(rapporto con gli altri, responsabilità, ecc.), dal punto di vista culturale(lo studio della Teologia e di tutto ciò che serve per svolgere il ministero sacerdotale), dal punto di vista spirituale (la preghiera personale come rapporto con Dio, la partecipazione alla Santa Messa, i colloqui col Padre Spirituale per chiarire la propria vocazione per risolvere i problemi, ecc.) e dal punto di vista pastorale cioè il sabato e la domenica entriamo a far parte della vita parrocchiale con il catechismo, gli incontri, le visite agli ammalati, ecc.
I 6 anni vengono divisi in due parti.: nella prima parte (I e II anno) = il ragazzo cerca di comprendere la sua vocazione in questo periodo si studiano materie filosofiche, di lingua e di introduzione allo studio della Teologia;
nella seconda parte (III – IV – V e VI anno) = il ragazzo è sicuro della sua scelta e si prepara a “essere sacerdote”.
In questo periodo si compiono le varie tappe per raggiungere la meta, esse sono:
L’ammissione agli ordini al III anno = con essa il ragazzo esprime la propria volontà davanti al Vescovo e ai sacerdoti della propria diocesi di voler diventare sacerdote.
Durante il rito il “candidato”, cioè lo stesso ragazzo viene presentato a tutti e risponde dicendo “eccomi”,  poi risponde a 3 domande poste dal vescovo con il quale li chiede di continuare il cammino verso il sacerdozio, il rito si conclude con un preghiera di benedizione sul candidato.
Il ministero lettorato al IV anno = questa è la seconda tappa con il quale il ragazzo si avvicina ancora di più a comprendere, a studiare e a meditare la Parola di Dio contenuta nella Bibbia. Si chiama ministero perché ha il compito i leggere la parola di Dio durante la Santa Messa e di testimoniarla agli altri con la sua vita.
Il ministero accolitato al V anno = è la terza tappa, consiste nel servire la Santa Messa, portare la comunione agli ammalati; esso implica la disponibilità del “servizio”  e dell’attenzione ai più bisognosi.
L’ ordinazione diaconale al VI anno = è la quarta tappa, è fondamentale in quanto il ragazzo decide totalmente di seguire il signore, ecco perché con esso entra a far parte della comunità dei sacerdoti della propria diocesi, di cui ne aveva fatto richiesta nel primo passo durante il rito di ammissione.
Inoltre il Diacono può amministrare il Sacramento del Battesimo, del Matrimonio e delle Esequie (però solo il rito), durante la Santa Messa può leggere il Vangelo, può fare l’omelia(predica), può distribuire la comunione, ecc. Soltanto non può dire tutta la messa e non può confessare.
L’ordinazione sacerdotale al termine del VI anno = è l’ultima parte, con essa il sacerdote diventa “un ministro di Dio” per il bene e la crescita spirituale delle anime che li vengono affidate. Amministrando i Sacramenti, celebrando la Santa Messa, visitando gli ammalati, gli anziani, le famiglie e i bisognosi di qualunque tipo.
In modo particolare è chiamato a seguire le necessità e i problemi della gente di oggi e in modo particolare delle giovani generazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche

Divieto di transito sulla S.C. 1 Stigliano Acinello lunedì 31 luglio

Per lunedì 31 luglio 2017 il Comando della