Intossicazione da monossido di carbonio, muore un 81enne

Intossicazione da monossido di carbonio, muore un 81enne

- in Cronaca, News
1220
0
intossicazione da monossido di carbonio

Il fatto è accaduto alcuni giorni fà, la vittima S.S. di 81 anni, residente a Stigliano, viveva da solo. I parenti di S.S. non vedendolo da qualche giorno, si sono recati nell’abitazione del Sig. S. dove lo hanno trovato esanime per terra vicino all’uscio di casa. Inutile l’intervento degli operatori sanitari del 118, che non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. Secondo gli accertamenti eseguiti sul corpo dell’ 81enne, la morte sarebbe sopraggiunta a causa delle esalazioni di monossido di carbonio, sprigionatesi da una stufa a legna.

Monossido di carbonio,  il Killer silenzioso.

Il monossido di carbonio è un gas velenoso che è particolarmente pericoloso perché è inodore e insapore: è praticamente impossibile capire che stiamo respirando monossido di carbonio e questo lo rende ancor più letale. La sua formula molecolare è CO, quindi un atomo di carbonio e uno di ossigeno. Noi conosciamo il monossido di carbonio come il gas prodotto dalle stufe che utilizziamo per riscaldarci, in generale è prodotto da reazioni di combustione in mancanza d’aria: è tipico degli incendi di boschi e foreste, ma anche di eruzioni vulcaniche.

Come evitare la morte per intossicazione da monossido di carbonio.

Il monossido di carbonio è prodotto da: generatori, griglie, fornelli da campeggio (e in generale tutti i fornelli a propano, metano o carbone) automobili e navi.

Per ridurre al minimo il rischio di intossicazione, si consiglia di non usare mai: forni a gas per riscaldare la casa, griglie da campeggio in casa (sono infatti pensate per l’aria aperta) generatori in scantinati o spazi chiusi, automobili accese in luoghi chiusi.

Lascia un commento

  Subscribe  
Notificami

You may also like

Asm, mantiene le promesse, ma dalla graduatoria nessuno disponibile per il Presidio di Stigliano. C’è comunque una soluzione a tutto …

Ieri mattina, presso la Direzione Sanitaria dell’Ospedale di