Elezioni Comunali di Stigliano 2017 – Intervista a Francesco Micucci

Elezioni Comunali di Stigliano 2017 – Intervista a Francesco Micucci

- in News, Politica
3772
0
intervista a Francesco Micucci

Intervista a Francesco Micucci rilasciata in esclusiva a Stigliano.net. Francesco conferma la sua candidatura a Sindaco per le prossime elezioni comunali di Stigliano, ci svela alcuni retroscena interessanti, ci parla del gruppo di amici che si è formato nel corso degli ultimi anni e che lo accompagnerà durante questa nuova avventura, del loro sogno di “far tornare Stigliano ad essere una comunità unita ed attiva, con un ritrovato senso di appartenenza”.

1) Francesco è vero che hai intenzione di candidarti con una tua lista alle prossime elezioni comunali? Se sì a che punto sono i preparativi?

Si, risponde al vero che con alcuni amici, fin dal mese di dicembre, ci siamo posti alcuni interrogativi e raccolti intorno ad una idea. Sarebbe da ipocriti rispondere che non è vero che stiamo preparando una lista, anzi. I nomi dei candidati circolano da tempo ma non abbiamo inteso RENDERE PUBBLICO SIMBOLO E NOME DELLA LISTA per il rispetto che si deve alle norme che regolano la propaganda elettorale. Sul programma abbiamo le idee chiare, ma prima della sua stesura definitiva aspettiamo i riscontri, le istanze dei cittadini che nei prossimi giorni incontreremo utilizzando la formula dei “focus group” e secondo un calendario già pianificato per argomenti. A tal proposito saremmo grati se le date e gli argomenti di tali incontri potessero essere resi noti anche da Stigliano.net.

2) Francesco come si può identificare nel contesto stiglianese la vostra lista ?

È una lista civica, senza legami con i partiti ma con un unico legame al territorio e alla comunità stiglianese. Quando ci siamo posti la domanda del perché di una candidatura la risposta prevalente è stata: non è un atto di coraggio candidarsi ma un atto di consapevolezza. Ogni cittadino ha il dovere di impegnarsi in prima persona mettendo a disposizione il proprio tempo e le proprie competenze, passando dalla lamentela all’impegno attivo. Abbiamo un sogno, far tornare Stigliano ad essere una comunità unita ed attiva, con un ritrovato senso di appartenenza. Un nuovo mondo è possibile, un nuovo modo di amministrare è un obbligo civile. Siamo capaci di sognare perché continuiamo a non rassegnarci. E i sogni spesso si realizzano con l’impegno e la partecipazione: combattiamo per noi, combattiamo per tutti, per darci un futuro qui, per chi ci seguirà, per dare un futuro a Stigliano.

3) Il gruppo con cui ti proporrai alle prossime elezioni comunali viene visto come una ventata di aria fresca secondo te perchè?

Non so come la comunità possa vedere questo gruppo ma di certo so come lo vedo io, come lo vediamo noi: gente vogliosa di dare il proprio contributo e che ha un vissuto che è testimonianza di un forte impegno civico. È un gruppo che dosa esperienza e gioventù, garantisce la parità di genere con la presenza di quattro donne e ha un’età media di 42 anni. È gente che si candida per interpretare e accompagnare le esigenze della comunità stiglianese ed è espressione di un movimento molto più ampio del numero dei candidati. È gente che aderisce alla società civile, non ha appartenenze partitiche, tranne un’eccezione, che però ha condiviso pienamente il carattere civico dell’impegno. Non siamo contro i partiti ma non condividiamo le logiche dei partiti e le scelte che spesso ne sono figlie. Scelte che per il nostro territorio sono apparse tardive e incapaci di dare le risposte che questa collettività attende da anni. Non sappiamo bene le ragioni di tali omissioni e/o ritardi, perché nel gioco delle parti si tende sempre ad addossare ad altri responsabilità o inefficienze. Impiegheremo ogni energia, ci assumeremo ogni responsabilità per far comprendere loro che la montagna materana è una risorsa e non va abbandonata.

4) Tra conferme e smentite c’è anche chi si diverte ad interferire inventando storie che in un certo senso annegano quanto di buono si stia facendo, cosa ne pensi in merito?

Non so a cosa ti riferisca nello specifico. Ma se ti riferisci al fango che viene sparso ora su uno ora sull’altro candidato, da più parti definito come “normale”, ti rispondo che questa è la patologia della politica. Da sempre c’è chi ha come missione quella di screditare l’avversario giungendo ad invenzioni, per usare una parola alternativa alla calunnia, alla diffamazione. C’è sempre qualcuno che si diverte a mettere gli uni contro gli altri: inventa, riferisce, interpreta, forse per dimostrare vicinanza al suo confessore ed è incapace di comprendere quanto dannoso possa essere questo modo di fare. C’è sempre il “piromane del rancore” che “appostato come un cecchino, prende di mira ogni entusiasmo, ogni speranza”. Noi abbiamo scelto di non rispondere alle provocazioni pur subendole come una ingiustizia. Questo non vuol dire che di fronte ad accuse diffamanti rimarremo silenti anche quando provenissero dal solito ignoto, quello che non può sottoscrivere le accuse perché sa bene essere “utili” invenzioni.

5) ll sondaggio di Stigliano.net mostra un’orientamento verso la presentazione di tre sole liste, qual’è la vostra posizione?

Credo che nel sondaggio ci sia un equivoco di fondo: essere contro. Posto così si potrebbero giustificare due liste, ma anche tre, quattro, cinque liste. Presentare una lista non equivale, automaticamente, a prendere le distanze da alcuni piuttosto che da altri ma, più semplicemente o più autenticamente, battersi per un metodo, quello della TRASPARENZA, della PARTECIPAZIONE DIRETTA, della CONDIVISONE, prima ancora che per un’idea, un progetto, una visione. È innegabile che la nostra candidatura venga fuori da un malcontento: i motivi sono sotto gli occhi di tutti. Presentiamo una lista non per partecipare, non per vincere, ma per governare. Abbiamo la convinzione di ritenere che si possa e, soprattutto, si debba far meglio. Non abbiamo avversari da sconfiggere. Ci candidiamo ad essere gli INTERPRETI di un diverso, alternativo modo di approccio e di risoluzione di problemi, STRUMENTI di un cambiamento delle menti, delle coscienze. Spiace non aver trovato punti di convergenza con le altre liste civiche (perché quella anticipata dal Sindaco uscente è stata dallo stesso definita politica), così come sollecitato da un “libero e indipendente” cittadino, e non certo per pregiudizi o prese di distanza da chicchessia. Con molti “avversari” c’è anche una vera profonda amicizia che per vari motivi non si è esaltata in questa composizione delle liste. Auspichiamo che la campagna elettorale sia improntata sulla progettazione e non sulla demolizione dell’avversario.

 

Lascia un commento

Lasciaci un commento!

Notificami
wpDiscuz

You may also like

Interventi di Restauro per l’effige di Sant’ Anna Metterza

Ieri mattina la Statua raffigurante Sant'Anna Metterza, opera appartenente alla Chiesa di Santa Maria Assunta di Stigliano (Chiesa Madre), è stata trasportata a Matera, presso