Incuria e maleducazione ambientale

La video/inchiesta che vi presentiamo questo mese nasce per caso, in seguito ad alcune passeggiate fatte tra i boschi e le campagne circostanti il nostro Comune. Durante il mese di aprile, infatti, complici il tepore del primo sole primaverile e la passione per le escursioni, abbiamo percorso alcuni sentieri nei dintorni del paese, per goderci il paesaggio, i profumi della primavera, i suoni della natura selvaggia e incontaminata.
Con nostra grande meraviglia, però, la natura ci ha fatto conoscere una realtà desolante, dovuta alle cattive abitudini di cittadini incivili e stupidi.  La prima grande sorpresa l’abbiamo avuta lungo la ex SS 277 per Accettura, a circa 5 Km dall’abitato, proprio vicino a quella nota località panoramica che tutti conosciamo come “La terrazza”, un vero incanto paesaggistico con un’ampia veduta panoramica sulla Foresta, sul centro abitato e sulle montagne del Pollino.
Ebbene, proprio a pochi metri dalla strada, lungo il sentiero che porta alla terrazza, il bosco si presentava  pieno di rifiuti di ogni genere, accumulati e gettati lì chissà da quanto tempo.
Plastica, copertoni d’auto,  elettrodomestici, mobili vecchi, materiale edilizio: insomma,  un vero e proprio scempio ambientale dovuto all’incuria e alla diseducazione: due tristi fenomeni che stanno facendo del nostro territorio una discarica abusiva a cielo aperto.
In un primo momento, di fronte a tale spettacolo, abbiamo pensato ad un fatto sporadico ed occasionale, forse dovuto a vecchie abitudini del passato. Però, proseguendo successivamente la passeggiata fino a Serra del Garbo, abbiamo subito notato come i rifiuti e l’immondizia occupassero anche lì la  scarpata lungo la piazzola di sosta e le altre scarpate circostanti.
Allora abbiamo avuto il sospetto che non si trattasse solo di episodi isolati e circroscritti, ma di una vera e propria emergenza ambientale dovuta al cattivo senso civico collettivo e alla  maleducazione individuale.
Così è nata l’idea di andare in giro, un pò a caso, lungo la periferia di Stigliano, a cercare altre situazioni simili, per capire se davvero il fenomeno è generale e fino a che punto è grave.
Abbiamo così scoperto una  realtà nascosta e indecente che non riguarda solo alcune aree isolate e distanti dal paese, ma anche zone nelle immediate vicinanze del centro abitato.
A questo punto, di fronte ad una realtà sicuramente frutto di abitudini incivili, ma anche figlia dell’incuria pubblica e della “distrazione” degli organi comunali, abbiamo deciso di documentare le situazioni più evidenti e gravi, attraverso una video/inchiesta. che interessa la Montagna, il Monte Serra, il Labruto, la strada provinciale per Aliano, la località Salice, ed altre zone a ridosso dell’abitato.
Abbiamo tralasciato alcune situazioni meno gravi, ed altre ancora per la difficoltà a raggiungere il posto, perchè coperto da una fitta vegetazione; però un dato è certo: a macchia di leopardo, tutta la periferia del centro abitato  è una discarica a cielo aperto. Basta andare in giro, per rendersene conto, anche se la natura, adesso, per la vergogna sta nascondendo tutti quei rifiuti sotto una ricca e rigogliosa vegetazione.

Naturalmente la nostra denuncia vuole essere solo un’occasione di dibattito, un’attività di informazione e di sensibilizzazione, rivolta sia agli organi comunali, perchè a loro spetta il compito della prevenzione  e della vigilanza, sia ai cittadini, che dovrebbero comunque contribuire anche loro alla difesa del decoro urbano e ambientale.
Ma in maniera speciale, però, questo video è dedicato a tutti quei cattivi cittadini che hanno la responsabilità di questo scempio: a loro diciamo di guardarlo bene, di rivederlo, così magari avranno cognizione esatta di cosa significa  liberarsi furbescamente e clandestinamente non solo dei rifiuti normali o ingombranti, ma anche di quelli pericolosi, gettandoli in giro un pò a casaccio, nei boschi e nelle scarpate.
Così facendo, non solo questi cattivi cittadini contribuiscono ad inquinare e a deturpare il territorio, ma dimostrano di essere anche stupidi, perchè il Servizio comunale di Igiene Ambientale offre la possibilità di smaltire correttamente e gratuitamente ogni tipo di rifiuto, senza doversi sobbarcare il rischio dell’inutile smaltimento clandestino,
Perchè, è superfluo dirlo, chi inquina il territorio, chi smaltisce rifiuti pericolosi, o anche normali,  in maniera illecita, commette reato, punibile secondo i regolamenti comunali e le normative di legge vigenti.

Stigliano 30 Maggio 2013                                           CinicoFilm53
Firmato Antonio Giannantonio

Stigliano - Inchiesta discariche abusive

[wppa type=”cover” album=”150″ align=”center”]Any comment[/wppa]

 

Loading

Seguici sui social

1,667FansMi piace
92FollowerSegui
1,210IscrittiIscriviti

Leggi anche

Leggi anche ...
Related

Frustuli di storia e letteratura lucana

Frustuli di storia e letteratura lucana di Angelo Colangelo Recentemente in...

Carnevale nella montagna materana

Carnevale nella montagna materana di Angelo Colangelo Anche nei paesi della...

Un Politico stiglianese del tempo che fu

Un Politico stiglianese del tempo che fu di Angelo Colangelo Salvatore...

Voci poetiche nel paese della Rabata

Voci poetiche nel paese della Rabata di Angelo Colangelo Dopo le...