I pozzi nel Parco nazionale

La Val d’Agri – in Basilicata – è un’area protetta, ma nel suo sottosuolo si trova il petrolio, che Eni vorrebbe continuare a sfruttare. Solo le organizzazioni ambientaliste si mobilitano contro la perforazione di 3 nuove aree di ricerca, che mettono a rischio biodiversità e sostenibilità.

Con la firma del decreto ministeriale 23 gennaio 2012 il ministero dello Sviluppo economico ha avviato le attuali grandi manovre petrolifere che, nel giro di qualche anno, porteranno l’Eni a raddoppiare la produzione di greggio in Val d’Agri ed in Basilicata. L’8 gennaio 2014, nel corso di una conferenza stampa a Potenza di Federparchi Basilicata, su bilanci e prospettive delle aree protette lucane, il presidente del Parco nazionale Appennino Lucano Val d’Agri-Lagonegrese, Domenico Totaro, ha sottolineato che “è tempo che una parte dei fondi che provengono dalle royalties siano destinati ai Parchi nel cui territorio insistono i pozzi”.

Le affermazioni di Totaro paiono chiudere il cerchio di ciò che è avvenuto in Regione negli ultimi due anni. Il decreto ministeriale 23 gennaio 2012, attuativo di una delibera della Regione Basilicata (la n. 1177 dell’8 agosto 2011, ndr) con la quale è stata espressa l’intesa all’aggiornamento del programma dei lavori per la concessione di coltivazione “Val d’Agri”, prevede infatti, tra altri interventi di adeguamento, la perforazione di 3 pozzi di ricerca, la perforazione di 6 nuovi pozzi di coltivazione e l’allestimento a produzione definitivo di 7 aree pozzo già esistenti. Un cronoprogramma di sviluppo petrolifero che sta animando le attuali discussioni in Regione, tra associazioni, cittadini ed enti coinvolti, e che potrebbe dare più di un problema al nuovo assessore all’Ambiente, Aldo Berlinguer – figlio di Luigi, ex ministro all’Istruzione – nominato dal neo governatore Marcello Pittella.

Nelle settimane a cavallo tra fine 2013 e inizio 2014 si sono aperti due fronti di opposizione. Da una parte, il tentativo di bloccare la perforazione del pozzo “Pergola 1” ubicato nel territorio comunale di Marsico Nuovo – già delocalizzato una prima volta per le grandi problematicità che interferiscono con il territorio del Parco nazionale Appennino lucano Val d’Agri-Lagonegrese -, che metterebbe a rischio sorgenti ed aree agricole di pregio. Dall’altra, invece, le denunce avanzate dall’Organizzazione lucana ambientalista e dall’associazione “Articolo 9”, finalizzate a bloccare la perforazione dei pozzi Eni “Caldarosa 2” e “Caldarosa 3”. Le 2 associazioni – promotrici di un esposto al ministero dell’Ambiente e alla Comunità europea e di una petizione popolare – denunciano come i 2 pozzi andranno ad incidere in prossimità di Siti di interesse comunitario (SIC) e Zone di protezione speciale (ZPS) della Rete Natura 2000 nella fattispecie la ZPS IT9210270 Appennino Lucano, Monte Volturino e il SIC IT9210170 Monte Caldarosa distanti dalle postazioni “Caldarosa 1” e “Caldarosa 2” rispettivamente 680 metri e 700 metri.

E proprio in merito alle distanze da alcune aree sensibili regionali che si giocherebbe l’esito della procedura di Via (Valutazione d’impatto ambientale) in corso di istruttoria presso i preposti uffici regionali. Analizzando le mappe dell’area e il punto dove dovrebbero sorgere, i pozzi “Caldarosa 2” e “Caldarosa 3” sarebbero “fuori misura”, perché le norme di salvaguardia della Rete Natura 2000 emanate dalla stessa Regione Basilicata (BUR n. 23 del 1 agosto 2012, ndr) prevedono “il divieto di nuove attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi all’interno dei siti Rete Natura 2000 (ZPS e ZSC) e in una fascia di rispetto pari a 1.000 (mille) metri esterna ai suddetti”. I due pozzi, però, ricadrebbero all’interno della stessa.

Si tratta, cioè, di una localizzazione insidiosa, che coinvolge direttamente l’Ente Parco nazionale Appennino Lucano Val d’Agri-Lagonegrese, che il 20 settembre 2012 rilasciò all’Eni il nulla osta per i lavori di adeguamento della strada di accesso alla futura area pozzi, quasi 2 mesi prima che la società presentasse alla Regione il relativo progetto. Probabilmente un “vizio di forma“ che, ancora una volta, apre enormi interrogativi sul ruolo che giocherebbero i parchi lucani in un territorio devoluto allo sfruttamento petrolifero come quello lucano, con prospettive di sviluppo in netta contrapposizione ai valori della biodiversità e della sostenibilità.

“I pozzi nel Parco nazionale”
di Pietro Dommarco

 

Loading

Seguici sui social

1,667FansMi piace
92FollowerSegui
1,210IscrittiIscriviti

Leggi anche

Leggi anche ...
Related

È rifatto giorno

È rifatto giorno «di Angelo Colangelo» L’editore Franco Villani di Potenza...

Nicola Iosca dipinge contro la droga

Nicola Iosca dipinge contro la droga di Angelo Colangelo Davvero lussureggiante...

Delegazione FIALS in udienza dal Papa

Delegazione FIALS in udienza dal Papa All'udienza generale di oggi...

Crisi idrica nel settore agricolo, come gestire l’emergenza?

Crisi idrica nel settore agricolo, come gestire l'emergenza? Il Segretario...