Giostra rionale di cavalli e cavalieri, vince Francesco Pinto

Giostra rionale di cavalli e cavalieri, vince Francesco Pinto

- in Spettacolo
2122
0
da sinistra: Francesco Pinto, Vito Colucci

Giostra rionale – Francesco Pinto, replicando la vittoria dello scorso anno, ottenuta però in occasione della Giostra intercomunale, si aggiudica la seconda edizione della Giostra di cavalli e cavalieri rionale. Comincia, quindi, a far l’abitudine alle vittorie. È stata una competizione sul filo del decimo di secondo. La distanza tra vincitore e vinti è, infatti , ridottissima.
Secondo classificato la mascotte di questa edizione 2012, Vito Colucci, cui fa da contro altare Francesco Darino il  “nonnetto” e decano della manifestazione. A completare l’elenco dei partecipanti, Massimo Ciancia, alla usa seconda esperienza,  Angelo Leone, il novizio e gli immancabili fratelli Pinto, Marco e Tommaso.
Tutti si sono distinti, non solo per l’abilità dimostrata nell’uso della lancia e nel centrare gli anelli,  anche per serietà e compostezza nel momento della sfilata, lascando gli organizzatori della manifestazione nella più totale tranquillità. Tranquillità che si vedeva anche sul volto delle forze dell’Ordine, del Servizio d’Ordine curato dalla Protezione Civile Stigliano Collina Materana e dalla Guardia Nazionale.
Grande professionalità anche da parte dei veterinari di campo, dottori Antonio Rienzi, Veterinario della ASM,  Rocco Matarrese e Egidio Soldo  Veterinari dell’Organizzazione.
Considerato il periodo dell’anno, che vede molti stiglianesi occuparsi di bagni salutari di sole e salsedine, il pubblico, ancora una volta, ha risposto con simpatia e partecipazione all’evento. Anche la sinergia tra la Pro-loco, il Comitato Feste Santo Patrono, l’associazione Stigliano Eventi ha funzionato bene.

Un unico punto debole della manifestazione è stata la scarsa partecipazione dei figuranti, ma, considerata l’età degli stessi (giovani e giovanissimi), le temperature sahariane, che hanno conciliato più con il mare che con la calura della manifestazione, si deve loro una giustificazione. Ciò comunque ha reso ancora più apprezzabile la partecipazione dei presenti alla sfilata (compresi quattro, bellissimi, marmocchi).
Era prevista, nell’intervallo tra i tre assalti ai fantocci,  una esibizione del corpo di ballo de “El Diablo Loco”, ma per varie ragioni, la dimostrazione della bravura delle ballerine e dei ballerini è rinviata alla quarta edizione della “Leggenda del Drago” prevista per i prossimi 11 e 12 agosto.
Così come la prevista esibizione del gruppo dei “Collura”, che avrebbe chiuso con un concerto in piazza la giornata, è stata rinviata a data da destinarsi (probabilmente il 7 agosto in Piazza Monumento),  causa indisponibilità sopraggiunta di uno dei componenti del gruppo.
Non si può certo dire che questo sia un anno fortunato.
Graditissima la presenza del sindaco di Roccanova, Giulio Emanuele, comune ove si terrà, il prossimo 5 agosto, la terza edizione della Giostra di cavalli e cavalieri  intercomunale e del sindaco di Gorgoglione, Giuseppe Filippo,  che ha portato con sé due cavalieri del suo comune (Natalino Abbondanza –primo classificato, non solo per il comune id Gorgoglione-  e Giovanni Urgo) perché la competizione determinasse il suo portacolori nella prossima giostra intercomunale.
Presente alla manifestazione anche l’Assessore del comune di Stigliano, Francesco Mandile, anche su delega del Sindaco Antonio Barisano che non ha potuto presenziare alla manifestazione e dell’ex Sindaco Leonardo Digilio, sempre presente in tutte le edizioni della giostra.
Non è mancato, alla fine della manifestazione, un commosso ricordo per chi non è più fra noi.
Evidente il riferimento al compianto Antonio, ma anche a tutti coloro che ci hanno lasciato prematuramente.
Ciò non per voler fare, anche in questo caso, una graduatoria tra le persone che non sono più tra noi, ma solo perché Antonio era più vicino, era un organizzatore, era  e rimarrà sempre… uno di noi.

Stigliano Eventi

Lascia un commento

  Subscribe  
Notificami

You may also like

Artisti Italiani “sgraditi” all’ Ucraina

Si dice che le arti, ed in particolare la