emergenza coronavirus

Emergenza Coronavirus – Nella giornata di ieri i Governatori di Basilicata e Calabria, Vito Bardi e Jole Santelli, hanno firmato i decreti con cui vengono “chiusi” e presidiati gli ingressi e le uscite dai territori regionali, fatta eccezione per comprovate esigenze lavorative dirette a garantire l’erogazione dei servizi pubblici essenziali, per gravi motivi di salute,  transito dei beni di prima necessità.

Oltre all’aumento dei contagi, la lucania registra purtroppo il primo decesso da Coronavirus, trattasi di un uomo di 82.

Il Consiglio dei Ministri ha emanato un nuovo decreto con ulteriori restrizioni che coinvolgono tutte le attività non essenziali.

EMERGENZA COVID-19: AGGIORNAMENTO DEL 23 MARZO, ORE 12.00

La task force regionale comunica che in tutta la giornata di ieri, 22 marzo, sono stati effettuati 65 test per l’infezione da Covid – 19.

Di questi 53 sono risultati negativi e 12 positivi di cui 1 relativo ad un decesso.

I casi positivi riguardano i comuni di:

2 Policoro

7 Potenza

2 Marsico Nuovo

1 Marsicovetere

Nel conteggio sono ricompresi i dati del comunicato stampa diffuso ieri alle 18,00.

Con questo aggiornamento, salgono a 84 i casi positivi registrati in Basilicata per l’infezione da Covid-19.

I ricoverati sono 15 nei reparti di malattie infettive e 11 in terapia intensiva.

Il totale dei tamponi ammonta a 726.

Tutti i test positivi verranno inviati all’Istituto superiore di sanità per la conferma di seconda istanza. I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti avuti dalle persone risultate positive.

Il prossimo aggiornamento domani 24 marzo alle ore 12,00.

Si invitano tutti i cittadini a causa di questa emergenza coronavirus di rispettare le disposizioni, emanate emanate a livello nazionale e locale, volte a ridurre l’emergenza sanitaria.

Pietroalessio Celiberti

www.regione.basilicata.it salute.gov.it/nuovocoronavirus

leggi anche: emergenza Covid-19 aggiornamento 21 marzo