E ora tocca al Pronto Soccorso, il benvenuto di Martorano.

E ora tocca al Pronto Soccorso, il benvenuto di Martorano.

- in Sanita
149
0
Pronto Soccorso ospedale di Stigliano

A Stigliano, sicurezza e razionalizzazione fanno rima con confusione. Confuso è il pensiero degli operatori, confuso è il pensiero del pensatore.
Quello che è chiamato a tutelare la salute pubblica e quello che è chiamato a tutelare le risorse economiche, quello che è chiamato a fare scelte politiche.
Eppure vi è chiarezza: la montagna collina materana viene scientemente colpevolmente abbandonata.
Non più tardi di ieri il neo assessore alla Sanità annunciava chiarezza.
Annunciava attenzione e considerazione.
Forse analoga considerazione che il legislatore nazionale assegna agli animali: non soccorrere un animale ferito, qualsiasi animale ferito è reato, punito dal Codice della strada.
Allora ho capito, fingiamoci animali, così se non ci soccorre il sistema sanitario, almeno ci protegge il codice della strada.
Quel codice della strada che altrove si chiama legge della strada, quella che altrove, in altri momenti e contesti storici ha un significato ben chiaro. Vince il più forte, il più cinico.
Definite voi l’atteggiamento della direzione della ASM (quella che decide chi deve ricevere attenzione e chi no, chi deve essere tutelato e chi no… sperando che non si arroghi pure il diritto, la scelta di decidere tra chi deve vivere e chi deve morire).
La cancellazione di un popolo inizia con il privarli della memoria…si distruggono i loro libri, la loro cultura, la loro storia (Milan Kundera).
Così se non ci distruggono i libri ci distruggono le insegne, se non ci distruggono la cultura ci distruggono il senso della giustizia, se non ci distruggono la nostra storia cancellano i nostri ricordi.
“Scarpe grosse e cervello fino” recita il proverbio indicando le caratteristiche dei montanari.
Lasciateci almeno le scarpe grosse, il cervello fino ce lo avete sottratto da tempo.
Ci auguriamo solo che il Signore non mostri la stessa attenzione che voi mostrate per noi, ci auguriamo che a nessuno di voi possa capitare di chiedere aiuto e ricevere la spinta decisiva verso il precipizio.
Dio abbia pietà di voi
Noi abbiamo esaurito la scorta.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may also like

Stato di salute dei lucani, l’inchiesta di Giorgio Santoriello

In Basilicata oltre 17mila esenzioni ticket per patologie