foto di www.pisticci.com

Aperto ufficialmente il percorso alternativo al ponte crollato. Arriva la comunicazione ufficiale della Provincia di Matera sull’apertura al traffico del percorso alternativo al ponte crollato lungo la ex 176, fra Pisticci e Craco. L’ente di via Ridola aveva preso in carico dal primo marzo scorso tre tronconi di strade vicinali di competenza del comune di Pisticci. Con lavori urgenti, completati sabato scorso, ha ampliato la carreggiata, che rimane per lo più sterrata, asfaltando anche alcuni brevi tratti. Da oggi, con ordinanza del presidente Stella, la strada è ufficialmente aperta al traffico, con esclusione di mezzi superiori a 3,5 tonnellate. Il percorso alternativo, che si snoda fra le strade vicinali “Purgatorio” e “Madonna” e lungo la strada comunale “Pantoni”, seguendo la direzione Craco-Pisticci, è pari a 3,2 chilometri. Della strada gli automobilisti hanno iniziato a servirsi ben prima delle comunicazioni ufficiali, utilizzandola già da diversi giorni, anche a lavori in corso. D’altra parte le alternative sono ben più accidentate (vedi strada per Madonna delle Grazie) o molto più lunghe di tre chilometri (vedi giro da s.s. 106 Jonica). Rispetto a quello che offre il resto della viabilità, insomma, il compromesso è più che accettabile ed è utile a risolvere i problemi di isolamento almeno per il traffico non pesante.
Occorrerà, tuttavia, procedere con cautela lungo un percorso che rimane tortuoso, per lo più sterrato e con carreggiata ridotta, in attesa di veder ripristinati quei 30 metri di strada sul ponte crollato. In questo senso c’è chi è pronto a scommettere che il percorso alternativo appena inaugurato sarà qualcosa in più di una breve soluzione d’emergenza.

Articolo e foto di www.pisticci.com