Coronavirus

Come ben sapete in Italia, da circa un mese, le autorità sanitarie cercano di arginare la diffusione di un pericoloso virus, che se contratto può causare gravi problemi alle vie respiratorie, curabile solo in reparti ospedalieri altamente specializzati. I provvedimenti intrapresi dal Governo italiano sono protesi a ridurre il contagio. Scuole chiuse, ingressi contingendati nei locali pubblici, partite di calcio a porte chiuse etc. etc. una roba mai vista.

Se per alcuni il contagio si manifesta come un banale raffreddore, per altri soggetti, persone con uno stato di salute già precario, può portare anche alla morte. L’invito che viene fatto su tutti gli organi di stampa a rispettare delle norme comportamentali e igieniche sono volte a tutelare se stessi e soprattutto a salvaguardia delle persone più deboli, quindi si raccomanda tutti alla massima collaborazione.

Molti di questi obblighi e disposizioni purtroppo non vengono osservati da tutti i cittadini, come se ognuno godesse di una sorta di immunità al contagio. Si rammenta che, ai trasgressori che volutamente disattendono le disposizioni emanate dal Governo centrale, dalla Regione Basilicata e dal Sindaco di Stigliano, dovessero arrecare un danno ad altre persone, oltre a pesanti sanzioni pecuniarie si potrebbero aprire anche le porte del carcere.

Disposizioni del Comune di Stigliano in merito all’epidemia da Covid-19.

🔴[PRESA D’ATTO – DISPOSIZIONI COVID-19]🔴

Presa d’atto del #DPCM 8 marzo 2020 e dell’Ordinanza n. 3 del 08.03.2020 del Presidente della Regione #Basilicata, il Sindaco rende noto:

📌 (art. 3, c. 1, lett. m DPCM 08.03.2020) che chiunque, a partire dal quattordicesimo giorno antecedente la data di pubblicazione del DPCM 08.03.2020, abbia fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, deve comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio ovvero al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta;

📌 (art. 1, comma 1 Ordinanza Regione Basilicata n. 3/2020) che tutti i soggetti che rientrano a far data dall’8 marzo 2020 in Basilicata dalle “zone rosse”, cioè dalla Regione Lombardia e dalle Province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia, devono osservare le seguenti misure, pena l’applicazione delle conseguenze sanzionatorie indicate all’art. 4, comma 2, del DPCM dell’8 marzo 2020:
✔️comunicare l’arrivo in Regione al proprio medico di medicina generale, ovvero al pediatra di libera scelta ovvero al Numero Verde Regionale: 800.996688;
✔️osservare la permanenza domiciliare, con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per quattordici giorni;
✔️evitare contatti sociali;
✔️osservare il divieto di spostamenti e/o viaggi;
✔️rimanere raggiungibili per le attività di sorveglianza;
✔️in caso di comparsa di sintomi avvertire immediatamente il medico di medicina
generale, il pediatra o l’operatore di sanità pubblica territoriale.

📌 (art. 2, DPCM 08.03.2020) sono sospesi, tra gli altri:
✔️ manifestazioni, eventi, spettacoli di qualsiasi natura, svolti in ogni luogo, pubblico e privato;
✔️ attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;
✔️ eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato;
✔️ resta comunque consentito lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti (come disciplinato dall’art. 2 comma 1 lett. g del DPCM 8 marzo 2020);
✔️ cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri.

📌 (art. 2, c. 1, lett. e, DPCM 08.03.2020) È consentito lo svolgimento delle attività di ristorazione e bar con obbligo, a carico del gestore, di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;

📌 (art. 2, c. 1, lett. f, DPCM 08.03.2020) È fortemente raccomandato presso gli esercizi commerciali diversi da quelli espressi in precedenza, all’aperto e al chiuso, che il gestore garantisca l’adozione di misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee ad evitare assembramenti di persone, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro tra i visitatori.

📌 (art. 2, c. 1, lett. v, DPCM 08.03.2020) L’apertura dei luoghi di culto è condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro di cui all’allegato 1, lettera d).

📌 (art. 2, c. 1, lett. z, DPCM 08.03.2020) DIVIETO ASSOLUTO DI MOBILITÀ DALLA PROPRIA ABITAZIONE O DIMORA PER I SOGGETTI SOTTOPOSTI ALLA MISURA DELLA QUARANTENA OVVERO RISULTATI POSITIVI AL VIRUS.

È altresì consigliato ai predetti soggetti di comunicare l’arrivo nel Comune di Stigliano – MT, anche al Sindaco Francesco Micucci, massima autorità locale sanitaria, tramite sms o messaggio di WhatsApp al numero 366- 6293628 al fine di agevolare le operazioni di censimento per la riduzione del rischio di diffusione dell’epidemia, avendo cura di indicare: Nome, cognome, luogo e data di nascita, luogo e data di provenienza, mezzo utilizzato per il trasporto, residenza; nonché la dicitura: “Il sottoscritto esprime, ai sensi e per gli effetti del D.lgs. 196/2003 e s.m.i. e del D.lgs. n. 101/2018 e s.m.i., il consenso al trattamento dei propri dati personali”.

CHIEDE a tutta la popolazione un profondo senso di responsabilità nel seguire le suddette prescrizioni con scrupolo ed attenzione al fine di contribuire tutti al bene comune evitando allarmismi che non farebbero altro che arrecare danni sociali ancor più gravi della stessa malattia.

1 commento