Cervelli in fuga, ma al matrimonio in patria non si rinuncia

Cervelli in fuga, ma al matrimonio in patria non si rinuncia

- in News, Sociale
2094
0
Silvia e Vito

La felicità di un evento ben riuscito è anche questione di geni. È il caso di Silvia e Vito, due ricercatori nati a Senise e Stigliano, due paesi della Basilicata, ma residenti ad Amburgo, in Germania, dove hanno potuto raggiungere tutte le loro ambizioni professionali.
Tuttavia, si sa, non si può rinunciare alla bellezza dei territori del sud Italia e così anche i cervelli in fuga rientrano in patria per celebrare il loro matrimonio. Silvia e Vito hanno scelto l’elegante cornice di Tenuta Visconti, nobile residenza di campagna, abbinandola ad un insolito tema industrial.

Silvia e Vito
Silvia e Vito


Tendenza sicuramente innovativa, che hanno completato con elementi dal sapore internazionale per reinterpretare in chiave contemporanea la tradizionale e rinomata ospitalità della Lucania. Degni di nota, i dettagli metallici (realizzati a mano dagli sposi), l’intrattenimento musicale tra jazz, rock e metal, e i tanti riferimenti all’informatica trasformati in decorazioni.


Al centro di tutto, la storia d’amore unica di due ragazzi semplici e affiatati, l’amore per la loro terra e l’affetto delle loro famiglie e dei loro amici. Raccontati ed esaltati da una cerimonia vip, un rito civile d’autore scritto per loro, e celebrato sotto le antiche volte della splendida sala granaio, uno degli ambienti più belli della Tenuta.

Silvia e Vito
Silvia e Vito


Per il loro matrimonio, Vito e Silvia hanno scelto di affidarsi a professionisti del settore provenienti da varie regioni italiane, tra cui il fotografo Anthony Argentieri, la flower designer Angelica Tricarico per Flower Addicted, la band Orecchiette Swing e molti altri, per creare un matrimonio romantico e innovativo sotto la regia di Alchimie Dreams Formula.

Non ci resta che augurare loro una felice vita matrimoniale insieme!

Lascia un commento

  Subscribe  
Notificami

You may also like

Sanità, ancora tempi biblici per liste di attesa.

Il consigliere Giovanni Perrino del M5s chiede “come