Prestigioso riconoscimento conferito a Mimmo Cecere e a Giuseppe Colangelo nell’ambito di EXPO Milano 2015

Prestigioso riconoscimento conferito a Mimmo Cecere e a Giuseppe Colangelo nell’ambito di EXPO Milano 2015

- in Cultura
168
0
riconoscimento conferito a Mimmo Cecere e a Giuseppe Colangelo nell’ambito di EXPO Milano 2015

La giuria dell’Ottava Edizione del “Premio Consumo di Qualità – Antichi Sapori – Città degli Antichi Sapori”, ha conferito a Mimmo Cecere e a Giuseppe Colangelo la “Menzione D’onore” per l’impegno e la professionalità profusi nel divulgare la cultura e la tradizione dell’entroterra materano. La cerimonia di premiazione si è svolta presso l’Auditorium Triulza Expo Milano 2015.

MILANO – Martedì 6 ottobre presso l’auditorium Cascina Triulza di Expo Milano 2015 si è svolta l’Ottava Edizione del “Premio Consumo di Qualità – Antichi Sapori – Città degli Antichi Sapori” promossa dall’organizzazione ASEL con la compartecipazione dell’associazione Libermedia di Matera.

riconoscimento conferito a Mimmo Cecere e a Giuseppe Colangelo nell’ambito di EXPO Milano 2015

Il premio, nato con lo scopo di celebrare personalità che si sono distinte nel garantire e nel promuovere il Consumo di Qualità, la cultura enogastonomica Italiana, la tutela dei sapori e dei saperi del Made in Italy, ha visto tra i premiati chef di fama internazionale, imprenditori, artisti, giornalisti, scrittori e food blogger.

riconoscimento conferito a Mimmo Cecere e a Giuseppe Colangelo nell’ambito di EXPO Milano 2015

Fra questi la star della cucinapop Davide Oldani e il re del “Simple food for intelligent people” Peppe Zullo, i sindaci di Alessandria, Parma, Bologna, Pachino, Irsina e Grottole e l’eclettico direttore del Teatro di Roma Antonio Calbi, un lucano che tanto ha contribuito per Matera Capitale Europea della Cultura 2019. A cui si aggiungono Mimmo Cecere e Giuseppe Colangelo ai quali è stata conferita una “Menzione D’onore” per il costante impegno e la professionalità profusi nell’indagare e nel divulgare la cultura e la tradizione delle aree interne della provincia materana.

Lascia un commento

Potrebbe interessarti anche

“La Basilicata di Leonardo Sinisgalli nella “Civiltà delle macchine””

Nel 1918 Leonardo Sinisgalli lascia il suo paese natìo e la Basilicata per continuare gli studi nel Collegio Salesiano di Caserta ed in seguito al Regio Istituto Tecnico di Benevento.