Nel blu dipinto di blu

Nel blu dipinto di blu

- in Cultura
176
0
Il colore delle emozioni, raccolta di poesie di Giuseppe Palladino

È disponibile in libreria il volume “Il colore delle emozioni” di Giuseppe Pio Palladino. Una raccolta di componimenti poetici in cui l’autore, come un pittore con la tavolozza, dipinge suggestioni e turbamenti dell’anima. Si può attribuire un colore alle emozioni? Partendo dalla considerazione che i colori fanno parte degli elementi attraverso cui i sensi apprendono la realtà e che l’uomo percepisce i colori attraverso l’occhio, non si può negare che questi possiedano anche altre funzioni che non sono riconducibili soltanto all’ambito visivo e sensoriale. Le percezioni cromatiche avvengono quindi non solo all’interno dell’occhio, ma anche a livello mentale, immaginativo. Il linguaggio del colore si configura così come un linguaggio simbolico particolare, fatto anche di suggestioni, che non provengono dalla sola osservazione razionale.
Questo è il punto di partenza da cui nascono i componimenti poetici di Giuseppe Pio Palladino che nella premessa al suo recente volume “Il colore delle emozioni”, Casa Editrice Kimerik, (Messina, 2015), scrive: “…emozionarsi e poi riuscire a dare anche
un colore alle varie emozioni conferisce più senso alla nostra vita quotidiana.”
L’idea dell’autore, bandite le emozioni in bianco e nero, di cui il nostro vivere è colmo, si traduce in un inno alla positività, alla ricerca di quei piccoli spazi in cui poter rifiatare e dipingere i propri sentimenti. Momenti di intima emozione generata dal vagito di un neonato, da un fiore che sboccia o dal fremito di un bacio.

Giuseppe Colangelo
Il libro è reperibile sui seguenti siti editoriali online e presso le librerie del circuito Kimerik.
info@kimerik.it. Tel. 094 121 503.
http://www.kimerik.it/Acquistare.asp
http://www.kimerik.it/Distribuzione.asp

Il colore delle emozioni, raccolta di poesie di Giuseppe Palladino

Lascia un commento

Potrebbe interessarti anche

“La Basilicata di Leonardo Sinisgalli nella “Civiltà delle macchine””

Nel 1918 Leonardo Sinisgalli lascia il suo paese natìo e la Basilicata per continuare gli studi nel Collegio Salesiano di Caserta ed in seguito al Regio Istituto Tecnico di Benevento.