11 maggio 2011: la profezia di BENDANDI, TERREMOTO A ROMA?

11 maggio 2011: la profezia di BENDANDI, TERREMOTO A ROMA?

- in Cronaca
646
0

Raffaele Bendandi – Si possono prevedere  i terremoti? Bendandi diceva di essere in grado di prevedere le scosse di terremoto. Raffaele Bendandi, detto anche l’uomo dei terremoti, nacque a Faenza il 17 ottobre 1893.
Bendandi diceva di aver scoperto come si producono i terremoti e disse di saper predire una scossa di terremoto.
La sua teoria era abbastanza semplice da un punto di vista concettuale: se l’attrazione lunare causa maree e spostamenti sulla Terra, immaginiamoci di cosa può essere capace l’attrazione esercitata dal Sole, congiunto alle posizioni particolari di alcuni pianeti.
Queste fortissime attrazioni sarebbero in grado di spostare le masse semiliquide ubicate nelle profondità terrestri.
Bendandi morì nel 1979 e i suoi studi non furono mai accettati dalla scienza ufficiale, anche se nell’ambiente molti scienziati ebbero modo di elogiare gli studi di Raffaele Bendandi.
Infatti molti eventi sismici furono in effetti previsti dal Bendandi, con precisione impressionante per quanto riguardava la data del sisma (quasi sempre indovinava il giorno esatto).
Meno precisa, invece, era la collocazione dell’evento sismico che veniva previsto dentro un’area troppo vasta per poter rendere utili ed attendibili tali predizioni.
Bendandi, attraverso il suo metodo, ha anche predetto una scossa di terremoto devastante per la città di Roma e aree limitrofe per il giorno 11 maggio 2011, e un altro sisma di dimensioni ancora più apocalittiche per tra il 5-6 aprile 2012, quando parecchie scosse di terremoto colpiranno a macchia di leopardo tutta la terra.
In questa ultima predizione, tra l’altro, molti vedono anche le catastrofiche profezie Maya per il 2012.

da www.unonotizie.it

Lascia un commento

Potrebbe interessarti anche

Case Cantoniere a Stigliano

Nei pressi di Stigliano sorgono due edifici, ormai abbandonati  da diversi anni, il primo situato lungo la S.P. 103 (Contrada Santa Maria), il secondo, invece, si trova a metà strada tra la zona P.I.P  di Acinello e il “Bivio di Aliano” (zona detta anche "Zanardelli").